Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:FIRENZE20°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 10 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Joe Biden in Kentucky: fatica ad indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali

Cultura martedì 16 giugno 2015 ore 15:18

Il V canto di Dante contro il femminicidio

Il 18 giugno in scena all'auditorium del Duomo la rappresentazione "Il modo ancora m'offende" di Giuliano Turone, organizzata dalla Casa di Dante



FIRENZE — La rappresentazione, che rientra fra le celebrazioni per i 50 anni della Casa museo di Dante e i 750 anni dalla nascita dell'Alighieri,  si snoda attraverso il dialogo tra un eccentrico professore e un’aspirante docente di educazione all’uguaglianza tra uomo e donna. 

In apertura i versi che Dante dedica a Francesca da Rimini, oggetto di tante violenze: prima il matrimonio con Gianciotto Malatesta, impostole con un perfido inganno, poi la costrizione a subire per sempre lo stupro continuato da parte del marito tiranno e non voluto. Infine la morte infertale da quello stesso marito dopo che questi aveva scoperto la relazione con suo fratello Paolo. Una storia tanto triste quanto perfetta per accompagnare gli spettatori in un viaggio nella realtà di oggi, dove gli episodi di violenza e di femminicidio si moltiplicano. 

La pièce si sofferma anche sulla storia di Franca Viola che, nella Sicilia degli anni Sessanta, seppe dire no al matrimonio riparatore con l'uomo che l’aveva rapita e stuprata, E poi il dramma recente di Lucia Annibali, sfregiata in volto con l’acido dall’ex fidanzato. 

"Ma Dante riesce soprattutto a farci riflettere sull’universalità del problema e sull’urgenza di ingaggiare una battaglia culturale - ha dichiarato Tullia Carlino, responsabile eventi e relazioni esterne del Museo - Per noi che abbiamo il privilegio di operare nel modo della cultura è un dovere occuparci anche di questi problemi, perché la cultura è bellezza e la bellezza soffre sempre davanti all’orrore della violenza".

Sul palco dell'auditorium del Duomo ci saranno Alessandra Mandese e lo stesso Turone. La regia è di Igor Grčko. Inizio delle spettacolo alle 19. Ingresso libero.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sua produzione artistica e gli eventi che ha saputo organizzare sono stati a lungo punto di riferimento nella città che ora lo piange
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità