Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, la grande festa azzurra alla cerimonia di apertura: il video di Aldo Montano

Attualità lunedì 16 novembre 2015 ore 16:35

In Consiglio comunale risuona la Marsigliese

L'inno di Francia ha aperto i lavori dell'aula a Palazzo Medici Riccardi. Nardella: la moschea di Firenze sarà un argine contro il terrorismo



FIRENZE — Non appena le note della Marsigliese hanno smesso di saturare l'aria, i consiglieri comunali di Firenze hanno osservato un minuto di silenzio in ricordo delle 129 vittime degli attentati terroristici di Parigi.

Un cerimoniale deciso dalla conferenza dei capigruppo che si è tenuta pochi minuti prima dell'inizio dei lavori dell'aula. 

"Siamo stati tutti sconvolti dalle stragi avvenute a Parigi. Il Consiglio comunale della città di Firenze - ha spiegato la presidente Caterina Biti - attraverso la riunione dei capigruppo di tutte le forze politiche, ha deciso oggi di dire forte il suo 'no' ad ogni forma di terrorismo. Un 'no' che si estende a tutti i popoli vittime di attacchi terroristici. Lo diciamo a nome di tutti i fiorentini".

Dopodiché la presidente ha voluto dedicare un minuto alle famiglie di tutte le vittime. "Ci sia permesso - ha detto Biti - rivolgere un pensiero particolare a quella di Valeria. Ci ha colpito la grande compostezza mostrata dai genitori nel reagire alla terribile notizia della sua uccisione nel teatro Bataclan".

Il sindaco Dario Nardella, dal canto suo, è voluto tornare sulla questione della realizzazione di una nuova grande moschea a Firenze. "Un centro di preghiera - ha detto Nardella -, che sia solo ed esclusivamente un luogo di preghiera non solo risponde ad un diritto fondamentale, ma anche a maggiori esigenze di sicurezza ".

Secondo il sindaco, infatti, anche a Firenze esistono "molti centri di culto improvvisati, non controllati, spesso neppure noti e in luoghi non adeguati - ha detto -: penso a strutture private, garage, sottoscala, vecchi capannoni. Non penso che questa sia la soluzione per il controllo di certi fenomeni di estremismo islamico".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una passeggera senza biglietto ha aggredito la capotreno. Il treno regionale si è fermato dopo essere partito dalla stazione di Santa Maria Novella
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS