Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE10°18°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 16 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il bombardamento del palazzo della sede dell'Ap e di Al Jazeera

Attualità sabato 16 maggio 2015 ore 18:03

I leader musulmani difendono il crocifisso

Al Festival delle Religioni in corso a Palazzo Vecchio l'imam di Milano e il presidente dell'Associazione Imam Mahdi hanno, invece, condannato l'Isis



FIRENZE — No alla rimozione del crocifisso dagli spazi pubblici. Non hanno dubbi Yahya Pallavicini, numero uno della comunità musulmana milanese e Abbas Damiano Di Palma, presidente dell'Associazione islamica "Imam Mahdi".

Rispondendo alle domande del pubblico Pallavicini ha definito il crocifisso un "irrinunciabile valore culturale", mentre secondo Di Palma si tratta di un "richiamo della sacralità di ogni essere umano".

Durissimo invece l'Imam milanese nei confronti dello Stato islamico. "Quelli dell'Isis non sono veri musulmani -ha detto Pallavicini nel corso del suo intervento dal palco - Quello che succede nei territori in cui sunniti e sciiti sono in conflitto non è una guerra di fede somiglia invece a quanto successe in Europa con la Guerra dei Trent'anni". Anche quella, secondo l'Imam, poteva apparire una guerra di religione interna alle confessioni cristiane, ma in realtà si trattava di un conflitto determinato da ragioni politiche e di puro potere.

"Oggi - ha concluso Pallavicini - noi assistiamo alla strumentalizzazione della religione in politica: ma questo fenomeno va separato dalle nostre divisioni. Non dobbiamo dire che i sunniti sono buoni e gli sciiti cattivi, o viceversa. Questa semplificazione è un atto di fondamentalismo, al pari della volgarizzazione della religione per scopi terreni e di potere".

In compenso secondo Abbas Damiano Di Palma, quello dell'Isis è un fenomeno ingigantito dai media. "Basterebbe un ordine da Washington - ha detto il presidente dell'presidente dell'Associazione islamica "Imam Mahdi" - per far cessare il conflitto in 48 ore, per far crollare tutta la baracca. Se non arrivano segnali di questo tipo è perché dietro ci sono, ancora una volta, interessi di potere ed economici".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente si è verificato in via Carlo del Prete. La donna, 80 anni, è stata investita da un'auto guidata da un signore di 88 anni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità