Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:22 METEO:FIRENZE20°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 17 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Euro2020, paracadutista sullo stadio prima di Germania-Francia: urta un cavo e rischia finire sulle tribune

Cultura domenica 27 dicembre 2015 ore 10:00

Una mostra in difesa del patrimonio in pericolo

Il Comune di Firenze e l'Accademia delle Arti del Disegno hanno deciso di dare vita a una serie di iniziative per la campagna Unesco #Unite4Heritage



FIRENZE — La prima di queste iniziative prenderà spunto dall'occasione di celebrare i 200 anni esatti dal ritorno a Firenze delle opere d’arte trafugate da Napoleone Bonaparte tra il 1799 e il 1813.

Da lunedì 21 dicembre l’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze ospiterà, con il titolo “Firenze 1815. Il ritorno di Venere”, un laboratorio-esposizione e una serie di eventi aperti al pubblico, dedicati ai pericoli che il nostro patrimonio corre nei periodi di guerra, con l’obiettivo di illustrare e sensibilizzare il grande pubblico su un tema noto a studiosi e specialisti ma poco conosciuto alla collettività.
I drammatici prelevamenti di dipinti e sculture provenienti da Palazzo Pitti, dagli Uffizi e dai conventi soppressi, e il loro ritorno in città il 27 dicembre 1815, grazie all’opera degli accademici Giovanni Degli Alessandri e Pietro Benvenuti, saranno ricordati nelle conferenze di Chiara Pasquinelli e Gabriele Paolini il 21 dicembre e nel laboratorio-esposizione presso la saletta esposizioni di Palazzo de’ Beccai.

Per il mese di Gennaio sono previste altre conferenze dedicate a Firenze nel periodo francese e all’approfondimento delle figure di Giovanni Degli Alessandri e Pietro Benvenuti, tenute da studiosi e specialisti quali Giovanni Cipriani, Francesco Vossilla, Liletta Fornasari e Antonella Gioli e la declamazione di sonetti e odi composte nel 1816, in occasione del ritorno delle opere a Firenze.

L'ideazione e il coordinamento è di Carlo Francini responsabile dell'Ufficio Unesco del Comune di Firenze, in collaborazione con Giulia Coco e Enrico Sartoni dell'Accademia delle Arti del Disegno e Stefano Valentini di Camnes.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'autista avrebbe perso il controllo del mezzo pubblico che si è schiantato contro la pedana di un ristorante distruggendola completamente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità