Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:20 METEO:FIRENZE21°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 15 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Siccità grave anche in Germania, i livelli del fiume Reno ai minimi storici

Cronaca venerdì 17 marzo 2017 ore 14:34

Un altro spacciatore colpito da daspo urbano

Il pusher non potrà avvicinarsi per due anni ai locali di piazza Santo Spirito. E' il secondo provvedimento di questo genere adottato dalla questura



FIRENZE — Due giorni fa era toccato a uno spacciatore 21enne di origine marocchina. Anche lui, per due anni, non potrà avvicinarsi alla zona clou della movida in Oltrarno, quella di Santo Spirito. Il suo è stato il primo caso di daspo urbano adottato a Firenze.

Il secondo, disposto sempre dal questore Alberto Intini, se lo è buscato un 57enne, anche lui marocchino. L'uomo è stato arrestato due volte per spaccio nel 2015, in piazza Santo Spirito e nella vicina via Sant'Agostino. Episodi per cui è stato condannato in via definitiva, presupposto necessario per l'emissione del daspo che ieri sera gli è stato notificato dopo essere stato fermato per un controllo in via Il Prato. 

Nei suoi confronti sono state disposte anche le sanzioni accessorie dell'obbligo di presentazione in questura tre volte a settimana e del divieto di uscire di casa dalle 20 alle 7.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo aveva 56 anni. Il corpo non presenta ferite o segni di violenza così come non ci sono segni di effrazione nell'appartamento
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca