comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 25°27° 
Domani 25°35° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 06 luglio 2020
corriere tv
Decreto rilancio, ecco le novità da sapere

Attualità giovedì 02 aprile 2020 ore 20:16

​Taxi ed Ncc possono consegnare la spesa a casa

In foto taxi in attesa dei clienti

Le tariffe del servizio sono previste nell'ordinanza che sarà valida per la durata dell'emergenza coronavirus che consente la variazione del servizio



FIRENZE — Taxi ed Ncc sono autorizzati ad effettuare nel periodo di emergenza coronavirus, il servizio di consegna della spesa a domicilio come stabilisce l’ordinanza firmata dal sindaco Dario Nardella con la quale Palazzo Vecchio definisce le modalità operative e le tariffe di accesso del servizio, sulla scia della delibera della Regione Toscana del 30 marzo scorso.

L’assessore al commercio Federico Gianassi ha spiegato “L’obiettivo è quello di limitare al massimo gli spostamenti delle persone in questo periodo di emergenza sanitaria e di andare incontro alle esigenze dei cittadini, oltre che a quelle degli esercenti che ricevono un elevato numero di richieste tali da non riuscire in molti casi a soddisfare la domanda per mancanza di mezzi e di personale. E’ anche un'occasione di lavoro per i tassisti che in questo periodo registrano un calo di clienti. E’ inoltre uno strumento importante visto anche le difficoltà della grande distribuzione che in questo periodo ha faticato non poco a dare riscontro rapido alle domande di spesa a domicilio. Insomma, uno strumento in più che speriamo possa essere utilizzato”.

Con l’ordinanza viene consentito temporaneamente ai titolari di licenza taxi e ai loro collaboratori o sostituti alla guida e ai titolari di licenza di noleggio con conducente, di trasportare e consegnare i prodotti di prima necessità acquistati presso le attività commerciali regolarmente aperte nel Comune di Firenze, in stretta collaborazione con gli esercenti. Le cooperative dei tassisti e i rappresentanti di categoria degli operatori di noleggio con conducente si sono resi disponibili ed è stato stabilito dall’amministrazione comunale il costo di 7,20 euro a corsa, tariffa minima per la città in linea con le tariffe dei privati e della grande distribuzione.

L’ordinanza stabilisce anche che tale servizio debba essere svolto garantendo quanto previsto dalla normativa vigente, specialmente in tema di operazioni di igiene, pulizia e sanificazione, nonché di trasparenza e garanzia delle tariffe.

Le modalità di consegna dovranno infatti prevedere il rispetto della distanza interpersonale di un metro, come principale misura di contenimento, sia in sede di ritiro che di consegna dei beni, adottando misure idonee a limitare al massimo i rischi di contagio (in particolare attraverso l’uso di guanti e mascherine); l’esecuzione delle necessarie operazioni di igiene, pulizia e sanificazione a fine turno e comunque, in caso di uso promiscuo del mezzo, dopo ogni corsa di trasporto di passeggeri; il trasporto di soli beni di prima necessità come individuati nel DPCM 11 marzo 2020 e nel DM- MISE 25 marzo 2020, opportunamente imballati per il trasporto in confezioni chiuse a cura e sotto la responsabilità dell’esercente, a fine di garantire il rispetto delle norme di igiene previste, non richiedendo, sia in fase di trasporto che di consegna, partizioni o alterazioni dell’imballo da parte del tassista; la trasparenza delle tariffe, sia che il costo del servizio sia concordato e resti a carico degli esercenti, sia che sia richiesto direttamente dall’utente finale, evidenziando in anticipo il prezzo di 7,20 euro a corsa; la possibilità, nel caso in cui il servizio sia richiesto direttamente dal cliente, che il pagamento della corsa avvenga tramite carta di credito, ovvero attraverso strumenti tecnologici quali applicativi di prenotazione e pagamento, così da ridurre al minimo sia i contatti fisici sia quelli con il denaro e rispettando la distanza interpersonale di un metro. Essendo un’attività di trasporto sostitutiva di quella che ciascun cliente può svolgere in proprio resta a carico del cliente stesso ogni verifica sullo stato di conservazione dei beni acquistati ai fini del consumo ed è pertanto sconsigliato l’ordine di congelati e surgelati. L’ordinanza sarà valida fino al termine di validità delle misure nazionali di contenimento dell’emergenza.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità