Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:26 METEO:FIRENZE21°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 22 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Bambino scomparso, ricerche con il drone nei boschi del Mugello

Attualità lunedì 30 luglio 2018 ore 13:05

Sicurezza, le zone sotto la lente di ingrandimento

Entrata in vigore l’ordinanza “Piazze vivibili” per fornire strumenti più efficaci a tutela di alcune piazze oggetto di degrado e illegalità



FIRENZE — È entrata in vigore l’ordinanza “Piazze vivibili”, emanata ai sensi del Decreto Sicurezza per fornire strumenti più efficaci a tutela di alcune piazze dove recentemente sono stati rilevati aspetti di degrado e illegalità. Resterà in vigore tre mesi, fino al 31 ottobre, e ha già consentito di effettuare degli interventi mirati che hanno permesso l’allontanamento di bivacchi e assembramenti sanzionando anche illegalità e abusivismi. Lo scopo è quello di restituire questi luoghi pubblici al pieno godimento di tutti i cittadini di tutte le fasce di età, nel rispetto delle elementari regole civiche di comportamento. 

Ecco il dettaglio dei luoghi oggetto dell’ordinanza che sono stati individuati a seguito di una puntuale istruttoria anche sulla base delle segnalazioni dei cittadiniì:

Quartiere 1, piazza Santo Spirito, Giardino della Catena nel Parco delle Cascine, giardini di via Galliano; 

Quartiere 2, area del Parterre (compresa piazza della Libertà) 

Quartiere 3, via Reims (precisamente lo slargo in cui coesistono chiesa, centro anziani, teatro e giardino pubblico), piazza Bartali e piazza Artusi 

Quartiere 4, piazza Pier Vettori 

Quartiere 5, giardini pubblici tra via Allori e via Baracca.

Tra i divieti in vigore di maggior rilievo: la formazione di assembramenti con consumo di bevande, la creazione di giacigli sulle panchine, il traffico e il consumo di sostanze stupefacenti. L’ordinanza prevede (articolo 650 del Codice Penale) la denuncia con arresto fino a 3 mesi o l’ammenda fino a 206 euro. Ovviamente se la condotta configura un reato più grave scatteranno le pene previste e restano sempre in vigore i divieti imposti dal Regolamento di Polizia Urbana (con sanzioni amministrative).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
"Avanti c'è posto" ma gli autisti frenano l'aumento della capienza e dei passeggeri ammessi a bordo dei mezzi del trasporto pubblico locale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità