Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:37 METEO:FIRENZE13°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 12 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Raid su Gaza distrugge edificio di 12 piani, il momento del crollo

Cronaca venerdì 02 aprile 2021 ore 12:23

Sfide estreme Tik Tok, l'influencer resta oscurata

Dopo l'oscuramento dei profili social ha presentato ricorso ma il Tribunale del Riesame di Firenze ha confermato il provvedimento del sequestro



FIRENZE — Il profilo Tik Tok resta oscurato, così ha deciso il Tribunale del Riesame di Firenze rigettando il ricorso presentato dai legali di una nota influencer siciliana che a Febbraio 2021 si è vista sequestrare il profilo social dalla polizia postale su provvedimento emesso dal Tribunale di Firenze (vedere articolo collegato).

Sul social network gli inquirenti avevano individuato un video ritraente una sfida tra una donna e un uomo, in cui entrambi si avvolgevano totalmente il volto, compresi narici e bocca, con il nastro adesivo trasparente, in modo tale da non poter respirare. Il video, ritenuto pericoloso in quanto visibile a tutti gli utenti senza restrizioni e possibile oggetto di emulazione da parte di minorenni, era stato segnalato dalla polizia postale di Roma e rimosso dalla piattaforma. 

Le indagini hanno portato ad intercettare anche altri video, da qui la decisione dei magistrati titolari delle indagini di emettere un provvedimento di sequestro degli account social, eseguito il 27 Gennaio 2021 dalla polizia postale di Catania. Tuttavia i contenuti del profilo erano rimasti visibili on line. Per questo motivo i magistrati avevano richiesto e ottenuto dal gip il provvedimento di sequestro preventivo, mediante oscuramento, del profilo Tik Tok oggetto d’indagine.

L’influencer, tramite i suoli legali, ha proposto ricorso al Tribunale del Riesame di Firenze contro il sequestro, sostenendo l’incompetenza territoriale del Tribunale di Firenze e che le sue esibizioni su Tik Tok non erano violente o comunque in grado di ledere la sensibilità o impressionabilità degli spettatori. 

Il Tribunale del Riesame di Firenze ha rigettato il ricorso confermando integralmente il provvedimento.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Paura e rabbia tra i residenti per il raid sulle auto in sosta nel quartiere. Le vetture sono state sventrate per asportare fari e navigatori
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità