comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:47 METEO:FIRENZE13°17°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 27 ottobre 2020
corriere tv
Conte firma il nuovo dpcm: bar e locali chiusi dalle 18

Attualità venerdì 31 luglio 2020 ore 10:02

Risciò, da bici per famiglie a incubo dei tassisti

Saranno l'auto del futuro? Intanto la municipale ha stretto la morsa sui risciò che trasportano i turisti superando i limiti imposti dal regolamento



FIRENZE — Possono accompagnare i turisti a visitare i monumenti ma non portarli ad una precisa destinazione, sono i risciò che soprattutto d'estate circolano nel centro della città. Arrivati a Firenze come una opportunità ecologica non hanno fatto presa a livello privato ma sono piaciuti ai turisti e sono diventati l'incubo dei tassisti che in un momento di crisi ne avrebbero fatto a meno. Saranno i veicoli del futuro?

Sei risciò sono stati sanzionati nel giro di una settimana, due sequestrati e quattro sottoposti a fermo amministrativo, è quanto ha reso noto l'assessore Stefano Giorgetti che ha pubblicato sui social un video in cui viene mostrato un veicolo truccato con un motore elettrico "Si tratta di quei mezzi utilizzati per i tour turistici in centro e che per circolare devono rispettare oltre alle norme del Codice della Strada anche le disposizioni specifiche contenute nel Regolamento Unesco. Proprio per scoraggiare chi con questi veicoli svolge attività abusive, tra cui quelle di ncc, abbiamo recentemente inasprito le sanzioni minime previste dallo stesso regolamento. I controlli non si fermano qui e continueranno in modo assiduo" ha assicurato Giorgetti.

I risciò usati per svolgere il servizio di trasporto urbano sono l'incubo dei tassisti che in queste ore occupano le piazzole in attesa dei turisti. I conducenti del servizio pubblico sono in ginocchio a causa delle settimane di confinamento per l'emergenza sanitaria ma l'arrivo dei primi turisti non sembra aver migliorato la situazione ed il solo rischio di dover dividere la clientela con altri mezzi di trasporto alimenta il malumore della categoria.

Firenze in passato ha tentato la carta del noleggio risciò, su un ipotetico modello di città balneare, sfruttando la conformazione pianeggiante del territorio ed alcuni se ne vedono ancora in giro ma sono ridotti a dei rottami. A prendere più spazio erano stati i mezzi a tre ruote con il vano dedicato al trasporto dei bambini, ma anche questi non hanno trovato grande richiesta da parte dei privati. I risciò sono invece diventati un mezzo per turisti, regolamentati poi per limitarne l'attività al mero ambito della visita monumentale.

Con la nuova idea di mobilità urbana caratterizzata dalla riduzione del trasporto privato a motore, l'aumento dei mezzi ciclabili e soprattutto l'aumento delle piste ciclabili, il risciò potrebbe tornare sul mercato come veicolo per famiglie? 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità