Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:40 METEO:FIRENZE20°37°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 28 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Checco Zalone torna con un nuovo video (animato): «Sulla barca dell'oligarca»

Attualità giovedì 24 novembre 2016 ore 17:08

Un freno alla fuga milanese di Pucci

Tavolo tra la Regione Toscana e i vertici della maison intenzionata a trasferirsi. Anche il Consiglio comunale chiede di mantenere la sede a Firenze



FIRENZE — L'incontro tra i rappresentanti della maison e Gianfranco Simoncini, consigliere per il lavoro del presidente della Regione Enrico Rossi, è previsto per la settimana prossima. Sul tavolo, la richiesta all'azienda di recedere dall'intenzione di trasferire a Milano il centro direzionale e stilistico della maison e comunque di concedere più tempo, oltre il 30 novembre entro cui a oggi i 46 dipendenti fiorentini dovrebbero comunicare la propria scelta, in modo da svolgere un confronto approfondito con le organizzazioni sociali sulle prospettive e le condizioni per il trasferimento offerte ai lavoratori.

Ad anticiparlo è stato lo stesso Simoncini dopo aver incontrato i sindacati che all'azienda avevano chiesto di aprire una trattativa e di conoscere il piano industriale, senza ricevere risposta. I sindacati, dal canto loro, hanno chiesto anche di aprire un nuovo tavolo al Mise.               

"Chiediamo all'azienda il piano industriale ma soprattutto che Emilio Pucci resti a Firenze, il marchio non ha senso senza Firenze perché rappresenta la fiorentinità - spiegano Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil di Firenze in una nota - siamo contrari ai trasferimenti dei lavoratori ma, se proprio non ci fossero più possibilità di restare, chiediamo condizioni di trasferimento migliori, salvaguardie per chi non vuole trasferirsi e per chi vuole magari affrontare un periodo di prova". 

La maison Pucci è divisa oggi in tre città: a Firenze ci sono il centro direzionale, stilistico e di merchandising, con 46 dipendenti. A Milano, dove è stato annunciato entro la primavera del 2017 il trasferimento di tutte le attività fiorentine, già c''era lo showroom e la parte commerciale dell''azienda, con 20 addetti. A Bologna fa capo invece la produzione, con un centinaio di dipendenti.

Lunedì i sindacati incontreranno i lavoratori in assemblea per decidere come proseguire la vertenza. Intanto anche il Consiglio comunale ha approvato, all'unanimità, un ordine del giorno presentato dal consigliere Pd Luca Milani e sottoscritto da tutti i capigruppo a tutela dei lavoratori di Emilio Pucci e del mantenimento della sede a Firenze. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna è stata investita nei pressi di un attraversamento pedonale. Sul posto sono intervenuti i soccorsi del 118 e la polizia municipale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità