Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:48 METEO:FIRENZE21°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 10 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni si rivolge alla stampa estera in tre lingue: «No a svolta autoritaria, noi siamo democratici»

Attualità mercoledì 03 agosto 2022 ore 11:36

Raffica di multe per visite ed esami non disdetti

Possono essere sanzionati inadempimenti fino a 5 anni prima, ovvero il 2017. Chi non paga riceverà un verbale di accertamento con atto giudiziario



FIRENZE — L’Azienda sanitaria Toscana centro ha ripreso a contestare la mancata disdetta di esami e visite mediche con l'invio di avvisi di pagamento che erano stati sospesi durante il periodo di emergenza Covid.

Le normative nazionali e regionali prevedono la disdetta almeno 48 ore prima della data prevista per l’erogazione, consentendo cosi ad altri utenti di usufruire di tale prestazione.

La sanzione è di importo pari al ticket della prestazione diagnostica o della visita specialistica non effettuate, senza applicazione della fascia aggiuntiva modulata sul reddito, che viene richiesta anche agli esenti. Gli avvisi vengono inviati per posta ordinaria e non prevedono aggravi di spese.

Si può risalire fino a 5 anni indietro, utilizzando le registrazioni sugli applicativi Cup aziendali, che tracciano sia le prenotazioni che le mancate presentazioni.

Chi non risponde al sollecito nei termini indicati e non provvede al pagamento

Riceverà nei prossimi mesi un verbale di accertamento recapitato con atto giudiziario, con aggravio di spese amministrative e postali che si aggiungono alla sanzione.

L’Azienda sanitaria invita i cittadini ad utilizzare il bollettino postale allegato alla lettera per il pagamento, poiché risulta ad oggi la sola modalità riconosciuta, che garantisce la chiusura delle posizioni aperte senza procedere con il processo di recupero.

Chi sta ricevendo l'avviso

Gli avvisi di pagamento sono partiti dal territorio empolese, inviando, dopo i primi 8.000, ulteriori 2.200 avvisi bonari con richiesta di pagamento per mancata presentazione a più prestazioni ambulatoriali negli anni 2018-2019. Nelle prossime settimane la contestazione per i cittadini di ambito fiorentino e pratese, rispettivamente per circa 16.000 cittadini nel primo e 500 nel secondo, riferite all’anno 2017.

L’annullamento

Viene valutato solo in presenza di casi specifici legati all’impossibilità imprevista e sopraggiunta di presentarsi, quali malattie, ricoveri, lutti, eventi atmosferici eccezionali. Per tali casistiche potrà essere richiesto di presentare la necessaria documentazione probatoria.

Nella lettera sono inoltre riportati i recapiti mail e fax cui inviare documentazione o argomentazioni difensive, utilizzando il modulo apposito allegato alla lettera.

Informazioni

Per informazioni o chiarimenti l’Azienda sanitaria ha messo a disposizione dei cittadini il numero 055 6934000, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12, a cui rispondono operatori esperti degli uffici recupero crediti di Firenze ed Empoli. Per i cittadini di Prato il numero individuato è lo 0574/807043, attivo dal lunedi al venerdi dalle 9 alle 12.

Sul sito ella AUSL tutela informazioni per disdire gli appuntamenti https://www.uslcentro.toscana.it/index.php/servizi-online/servizi-e-attivita/diagnosi-e-cura/615-la-prenotazione-e-l-effettuazione-di-visite-ed-esami/10414-disdire-un-appuntamento-cup


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sua produzione artistica e gli eventi che ha saputo organizzare sono stati a lungo punto di riferimento nella città che ora lo piange
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca