Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE20°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 23 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, la grande festa azzurra alla cerimonia di apertura: il video di Aldo Montano

Attualità martedì 10 luglio 2018 ore 18:30

Moria di pesci nel torrente Terzolle

Gli addetti Arpat sono intervenuti all'altezza del Mugnone e hanno effettuato le analisi. Le cause sarebbero da attribuirsi a caldo e siccità



FIRENZE — Temperature elevate dell'acqua e siccità sarebbero le cause della moria di pesci che si è verificata lungo il torrente Terzolle

Sul posto, nel punto dove il corso d'acqua si immette nel torrente Mugnone, sono intervenuti i tecnici di Arpat su segnalazione della Polizia Provinciale di Firenze.

Dalle analisi effettuate, la temperatura dell’acqua è risultata molto alta sia a valle e sia a monte, ancora se più accentuata a valle.

"Considerato quanto è emerso dal sopralluogo e dai risultati delle misure eseguite in campo - si legge in una nota di Arpat -, i tecnici dell'Agenzia ritengono che la moria di pesci verificatasi nelle acque del Torrente Terzolle possa ragionevolmente essere stata causata dalla mancanza di ossigeno, a causa della scarsità di acqua, di alte temperature. Non è possibile, comunque, escludere che su tale evento possa aver influito l’apporto dei reflui provenienti dagli scolmatori posti a monte dopo la pioggia del pomeriggio del 07/07 ultimo scorso".

Il Comune si occuperà della rimozione dei pesci morti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un fiore all'occhiello dell'urbanistica fiorentina di inizio Novecento, il giardino è dedicato alla memoria del giudice Antonino Caponnetto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Lavoro