Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:46 METEO:FIRENZE10°17°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lite Conte-Lautaro, il finto match di boxe ad Appiano

Arte sabato 16 settembre 2017 ore 18:00

Marino Marini - "Passioni visive"

A Palazzo Fabroni di Pistoia un'antologica frutto di una forte collaborazione con il museo fiorentino dedicato al grande maestro d'arte. Dal 16 settembre al 7 gennaio.



FIRENZE — La mostra, ospitata nei begli ambienti di Palazzo Fabroni, consente di ripercorrere la carriera e la poetica del grande artista Marino Marini attraverso la suggestione esercitata su di lui dall'arte che lo ha preceduto e dei suoi contemporanei. Scultore dal successo precoce e solido, Marino Marini è infatti stato sempre molto legato alla storia dell'arte sulla quale si è formato, ma al contempo attento alle evoluzioni dell'ambiente artistico circostante. In mostra si ritrovano pertanto le sue opere accostate a quelle che lo hanno ispirato, mosso, quasi chiamato ad esprimersi confrontandosi con loro. I suoi celebri cavalieri ritrovano infatti le origini cinesi della dinastia Thang prima di disintegrarsi, quasi, sotto la spinta della guerra incombente, quando iniziano a disarcionare i propri cavalieri facendo perdere loro tutta la solennità della statuaria classica e rendendoli dei Marco Aurelio contemporanei in un mondo in subbuglio. Altrettanto i giocolieri, che muovono dalla statuaria gotica, ieratica e longilinea fino a diventare figurine astratte e filiformi ispirate alla scultura di Henry Moore, di cui fu amico. Le pomone, altro classico della produzione artistica di Marino Marini, si animano a partire dalle curve morbide e sinuose della scultura greca e romana per arrivare a Rodin e al confronto con l'artista Germaine Richier, conosciuta e frequentata durante il soggiorno ticinese dell'artista. Con lei, Marini dialoga in opere che presentano tutta la forza dei suoi celeberrimi ritratti e si confronta in una particolarissima interpretazione del nudo femminile a figura intera.

Assoluta peculiarità della mostra, visitabile fino al 7 gennaio prima che si sposti al museo Guggenheim di Venezia per recuperare anche lì suggestioni del tutto particolari perché intimamente legate al luogo, è la possibilità di vedere in un sol luogo racchiuse opere del Maestro provenienti in gran parte dal museo Marini di Firenze, ma soprattutto concesse in mostra da collezioni private e luoghi che decorano con tutta la loro forza come la Camera dei Deputati o altri musei italiani stranieri. Un percorso da non perdere e al quale vale la pena di dedicare del tempo per ripercorrere uno spaccato importante della storia dell'arte recente, che tanto ancora ha da dire al nostro tempo presente. 


© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Comune di Firenze ha avviato l’iter per la chiusura definitiva del locale che ha violato più volte le chiusure imposte per le norme anti-covid
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità