comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:50 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 23 novembre 2020
corriere tv
Covid, Conte: «Niente vacanze sulla neve a Natale. Non possiamo permetterci una terza ondata»

Attualità venerdì 20 novembre 2020 ore 13:44

"Mai più bus e tram strapieni o addio agli utenti"

Gli autoferrotranvieri vogliono scongiurare l'aumento della capienza massima a bordo di tram e bus per evitare un nuovo effetto assembramenti



FIRENZE — Gli autoferrotranvieri vogliono evitare un nuovo effetto assembramenti e per questo hanno messo le mani avanti proponendo alla Regione Toscana un nuovo piano di riorganizzazione che tenga conto di quanto accaduto tra Settembre e Ottobre. La Faisa Cisal ha reso noto l'incontro con il neo assessore regionale ai trasporti, Stefano Baccelli, per trattare i temi caldi come la riorganizzazione del servizio dopo la seconda ondata di Covid.

I mezzi del trasporto pubblico hanno accusato il passaggio tra la prima e la seconda ondata, dalle vetture vuote della primavera agli assembramenti di metà Settembre.

"La capienza dei mezzi mai andava alzata all'80 per cento inducendo i cittadini a diffidare di bus e tram al tempo strapieni... così spingendoli ad allontanarsi dall'uso del mezzo pubblico con pesantissime conseguenze sull'occupazione" è quanto ha sottolineato il segretario regionale, Claudio Cecchi.

"Passata questa seconda ondata occorrerà riaffezionarsi al trasporto pubblico perché l'intero sistema dovrà ripartire ancora una volta. La sfida è grande ma dovremo abituarci nuovamente a prendere bus e tram rispettando le misure di sicurezza e le distanze perché si tratta di un servizio indispensabile per la collettività" ha aggiunto Massimo Milli, rappresentante di Faisa Cisal nella Rsu di Ataf. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità