Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:21 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin scocciato con la reporter Usa: «Lei è una bella donna ma non ascolta»

Attualità domenica 08 agosto 2021 ore 08:31

Si arricchisce la mappa della memoria di libertà

corona d'alloro
La Liberazione di Firenze avvenne l'11 Agosto 1944

Una targa per Ettore Gamondi e una cappella in cui riposano i partigiani sono i nuovi luoghi del ricordo della Liberazione della città



FIRENZE — Una targa in memoria di Ettore Gamondi direttore delle Officine Galileo ucciso nel giorno in cui Firenze insorse riconquistando la libertà, e una cappella dove riposano i partigiani che morirono lottando contro l'occupazione nazifascista: sono due luoghi che da domani lunedì 9 Agosto entreranno a far parte ufficialmente della mappa della memoria della Liberazione di Firenze, avvenuta l'11 Agosto 1944. 

La targa, collocata nel luogo dove Gamondi fu ucciso in via Berchet angolo via Lungo il Mugnone, sarà scoperta alle 10 con una cerimonia a cui parteciperà l'assessore alla cultura della memoria Alessandro Martini. L'assessore sarà presente anche alle 17,30 alla riapertura al pubblico dopo i lavori di restauro della Cappella dei Partigiani, ospitata nel Cimitero di Rifredi.

"Sono due momenti molto importanti - sottolinea l'assessore Martini - con cui, alla vigilia delle celebrazioni ufficiali della Liberazione di Firenze, vogliamo ricordare rinnovando la memoria di quei giorni per le generazioni presenti e future grazie a una storia e un luogo forse ancora poco conosciuti". L'assessore si sofferma sulla Cappella dei Partigiani: "Sono stati proprio i partigiani sopravvissuti a recuperare le spoglie dove erano state sepolte, in fretta e furia, nei boschi, sulle montagne, nei luoghi dove si svolsero le battaglie, per dare loro degna sepoltura. Lunedì pomeriggio riapriremo ufficialmente la Cappella al termine di un bel restauro eseguito grazie al contribuito della Regione Toscana e all'impegno delle associazioni antifasciste regionali e provinciali".

Il primo appuntamento, in programma lunedì alle 10, è dedicato dunque a Ettore Gamondi. Direttore delle Officine Galileo, fu arrestato nel marzo 1944 dai nazifascisti per la sua opposizione al regime. Fu ucciso in via Berchet all'angolo con via del Mugnone, poche ore dopo che il suono della Martinella aveva dato ai partigiani e ai fiorentini il segnale dell'insurrezione. Nel 1951 fu insignito della medaglia d'argento alla memoria per il suo appoggio al movimento partigiano durante l'occupazione nazifascista della città.

Il secondo appuntamento è in programma nel pomeriggio alle 17,30 quando sarà riaperta al pubblico la Cappella dei Partigiani, dopo il restauro effettuato grazie al finanziamento della Regione Toscana e all'impegno della Federazione Regionale Toscana delle Associazioni Antifasciste e della Resistenza. Nella cappella sono ospitate quasi duecento lapidi di partigiani caduti per la Liberazione di Firenze. Uomini e donne uccisi nelle battaglie e le cui spoglie sono state riesumate negli anni successivi per dare loro degna sepoltura.

Alla cerimonia saranno presenti oltre all'assessore Martini, il presidente del Quartiere 5 Cristiano Balli, l'assessora della Regione Toscana Alessandra Nardini, il presidente della Federazione Regionale Toscana delle Associazioni Antifasciste e della Resistenza Roberto Ragazzini e Luca Brogioni dell’Istituto Storico della Resistenza.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il sinistro si è verificato a metà pomeriggio a ridosso di piazza Beccaria, provocando code anche a causa del restringimento di carreggiata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità