Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE18°30°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tita e Banti: «Ci siamo conosciuti per caso, orgogliosi di essere la prima medaglia d'oro mista dell'Italia»

Attualità domenica 20 marzo 2016 ore 11:20

Le finestre dei sogni per i bimbi del Meyer

Due grandi schermi interattivi touch-screen per trasportare nel mondo della fantasia i piccoli pazienti dell'ospedale pediatrico fiorentino



FIRENZE — Si chiamano Le finestre dei sognieaccoglieranno grandi e piccoli nella sala d’attesa davanti agli ambulatori specialistici e alla radiodiagnostica dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze.

A creare i contenuti di queste finestre magiche è stata la fantasia di Giuseppe Ragazzini, pittore, scenografo e visual artist non ancora quarantenne, apprezzato a livello internazionale. 

L’obiettivo è quello di portare distensione e relax in un momento molto particolare, quale è quello dell’attesa, in cui l’attenzione – soprattutto dei genitori - è concentrata sull’esito della visita medica dei bambini. Le immagini animate, e i delicati effetti sonori e musicali che le accompagnano, sono pensate per favorire il rilassamento e allontanare stress e preoccupazioni, attraverso l’immersione in una narrazione “altra”, fatta della materia dei sogni e della creazione artistica.

Nella sala d’attesa i piccoli avranno infatti a disposizione quattro schermi tutti per loro, per giocare e divertirsi in modo creativo utilizzando una app che Ragazzini ha creato apposta per il Meyer.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Radio Taxi 4242 e Sms Tassisti Fiorentini hanno consegnato ai lavoratori in presidio contro i loro 422 licenziamenti 4.000 bottiglie
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca