Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:30 METEO:FIRENZE19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Pompei, ritrovato un carro nuziale, artefatto incredibile e unico nel suo genere

Attualità mercoledì 09 marzo 2016 ore 16:06

I detenuti faranno lavori di pubblica utilità

Dieci persone lavoreranno tra biblioteche, impianti sportivi, centri diurni, residenziali e nella cura del verde pubblico. Non avranno compensi



FIRENZE — Dieci tra detenuti, ex detenuti e sottoposti ad esecuzione penale esterna e di messa alla prova potranno svolgere lavori di pubblica utilità in modo non retribuito e a favore della collettività in uffici, servizi e strutture comunali per favorire il loro reinserimento sociale.

La delibera presentata dall'assessore Funaro, in collaborazione con gli assessorati all’Ambiente e allo Sport, fornisce alla direzione servizi sociali gli indirizzi per redigere la convenzione da stipulare con il tribunale di Firenze per realizzare percorsi di risarcimento del danno.

I lavori di pubblica utilità potranno svolgersi in biblioteche, impianti sportivi (palestre, piscine e campi di atletica), ma anche nelle direzioni servizi sociali (ad esempio, le persone coinvolte potranno accompagnare anziani e disabili nei centri diurni e residenziali) e ambiente (nello specifico, svolgendo servizi presso il parco degli animali e per la cura del verde). Con la messa alla prova viene sospeso il giudizio e nel caso abbia esito positivo, la persona non va a giudizio e la pena viene cancellata.

“La convenzione che a breve firmeremo con il Tribunale dimostra l’importanza che attribuiamo ai percorsi di reinserimento sociale che puntano alla rieducazione - ha detto l’assessore Funaro - vogliamo dare a queste persone la possibilità a di intraprendere percorsi riparativi o sostitutivi della pena perché crediamo che possono essere un buon esempio per far vivere alle persone un percorso temporaneo lavorativo che può servire come rieducazione e reinserimento”.

Le persone che si impegneranno nei lavori di pubblica utilità, che non potranno svolgersi per più di 300 giornate l’anno, saranno tutte assicurate contro gli infortuni, le malattie professionali e la responsabilità civile verso terzi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità