Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE20°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 23 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, la grande festa azzurra alla cerimonia di apertura: il video di Aldo Montano

Attualità sabato 24 aprile 2021 ore 16:38

La mazzata sui prezzi mette a tappeto i bonus

Preventivi da rifare e ripensamenti sarebbero all'ordine del giorno a causa dell'aumento dei costi delle materie prime e degli impianti da sostituire



FIRENZE — Sugli incentivi fiscali destinati a smuovere l'economia si sarebbe abbattuta la mazzata dei rincari dei materiali e degli impianti, è proprio così oppure si tratta di una leggenda metropolitana? La conferma è arrivata direttamente dalle imprese degli impiantisti. 

Il Superbonus del 110% ed il Bonus caldaie al 65% hanno risentito particolarmente degli aumenti dei materiali, dai ponteggi ai laterizi ai collanti per passare poi ai tubi di rame e di ottone fino alle stesse caldaie.

Cna Firenze contattata da QUInewsFirenze ha confermato le difficoltà da parte degli impiantisti "Al momento si lavora più sul bonus in fattura al 65% che con il Superbonus al 110%. I committenti sono soprattutto i privati che devono comunque effettuare il lavoro - spiega il presidente Pagliarani - al netto degli aumenti e delle spese per le procedure, uno sconto c'è: pagano il 35% in meno in fattura. Occorre dire che il conto è più salato rispetto ad un lavoro fatto ad inizio 2020 perché sono aumentati i materiali e gli stessi impianti da installare. Quasi nessuno ricorre al pagamento della fattura piena con la detrazione del 50% in 10 anni, preferiscono lo sconto immediato che però prevede l'istruzione di una pratica ed ha dei costi in più".

Quindi l'incentivo non incentiverebbe riducendosi ad un semplice sconto per chi si trova a dover effettuare un lavoro per necessità e non per approfittare del momento o come programmazione.

Gli addetti ai lavori devono essersi accorti immediatamente che qualcosa non stava funzionando perché il lavoro non è aumentato secondo le aspettative.

L'allarme è stato lanciato negli ultimi mesi quando gli impiantisti si sono trovati a dover ritoccare i preventivi fatti a fine 2020 per non andare in perdita davanti ai rincari presentati dai fornitori. Di conseguenza i committenti, amministratori di condominio e privati cittadini hanno dovuto rifare i conti con il budget familiare e decidere se il cambio della caldaia valesse la candela.

Il presidente Ance Siena, Andrea Tanzini, già a Marzo era intervenuto per suonare l'allarme "Il caro materiali non è più sostenibile per le imprese. Un aumento del 130% dell’acciaio, del 40% dei polietileni, del 17% del rame e del 34% del petrolio. In provincia di Siena il ferro tondo in barre, in due settimane, ha visto schizzare il prezzo del 6-8%. I rincari eccezionali rischiano di frenare gli interventi già in corso e di mettere a rischio quelli previsti dal Recovery Plan".

L'ultimo allarme in ordine cronologico è arrivato da Arezzo dove il presidente Cna Costruzioni, Francesco Riillo, che ha detto "Sono aumentati in particolare i prezzi dei materiali legati ai bonus per le ristrutturazioni. Gli aumenti più importanti in un anno riguardano i metalli, con punte che superano il 50%; i materiali termoisolanti, con punte che oscillano tra il 25% e il 50%; i materiali per gli impianti, con punte che superano il 25% e il legno 15%. In salita è anche il prezzo dei ponteggi, passato in breve tempo da 15 euro al metro quadrato ai 24 euro attuali. Il costo di rifacimento di un cappotto termico è passato da 65 a 90 euro al metro quadro".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un fiore all'occhiello dell'urbanistica fiorentina di inizio Novecento, il giardino è dedicato alla memoria del giudice Antonino Caponnetto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Lavoro

Attualità