Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE16°29°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 04 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tita e Banti: «Ci siamo conosciuti per caso, orgogliosi di essere la prima medaglia d'oro mista dell'Italia»

Attualità lunedì 18 marzo 2019 ore 10:50

Pronipote di Joe Petrosino alla scuola marescialli

La Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze riceve in visita Joseph Petrosino, pronipote dell’omonimo avo, poliziotto americano, ucciso dalla mafia



FIRENZE — Siamo agli inizi del secolo scorso e Joe Petrosino si scontrò con la prima forma di Cosa nostra, chiamata la Mano Nera, che aveva la sua base nel quartiere Little Italy di New York, specializzata nel racket delle estorsioni. Per i numerosi successi, Petrosino venne promosso a tenente e il presidente degli Stati Uniti Teddy Roosevelt lo dotò di una squadra investigativa chiamata “Italian Branch”, che inflisse duri colpi ai mafiosi.

E’ stata una grande emozione per il nipote Joseph Petrosino aver potuto visitare la Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze. L’uomo, orgoglioso ex Marine degli Stati Uniti, accompagnato dalla consorte Margaret, è stato ricevuto dal Comandante della Scuola,
Gen. D. Gianfranco Cavallo e dagli Ufficiali dello staff.

Dopo la rituale cerimonia dell’alzabandiera, il Comandante ha intrattenuto l’ospite illustrando il funzionamento dell’Istituto di formazione militare i cui assetti organizzativi, didattici ed addestrativi si modellano sull’evolvere del profilo culturale e professionale richiesto ai Marescialli dell’Arma, luogo ove si condividono, si alimentano e si tramandano i valori del “Carabiniere”. 

Grande commozione è stata espressa dall’ospite nell’apprezzare come, nonostante il tempo trascorso, la figura dell’antenato sia ancora così conosciuta e rispettata.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È stato denunciato per danneggiamento aggravato l'uomo di 28 anni che ieri in Santa Maria Novella si è reso protagonista del gesto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità