Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:54 METEO:FIRENZE13°25°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 05 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Karima El Marough: «E' stato un incubo, adesso rivoglio la mia vita»

Attualità venerdì 08 maggio 2020 ore 11:20

"Infermieri di famiglia per gestire la fase 2"

In foto un reparto Covid

La proposta dell'Ordine degli infermieri per supportare i pazienti e le famiglie nella seconda fase dell'emergenza sanitaria per Coronavirus



FIRENZE — Una figura professionale che possa monitorare lo salute degli assistiti, mediante visite domiciliari, follow up telefonici e telemedicina, è questa l'idea dell'Ordine degli infermieri di Firenze e Pistoia che rilancia così l'infermiere di comunità.

Lo scopo è evitare che sia la persona a rivolgersi ai servizi solo quando sono già presenti disturbi o complicazioni "può presidiare i passaggi di setting assistenziale, con particolare riguardo agli aspetti più critici della continuità delle cure facendosi garante della presa in carico lungo l’intero percorso assistenziale, può intervenire fornendo consigli sugli stili di vita e sui fattori comportamentali a rischio. Conosce, inoltre, la rete dei servizi presenti in quello specifico territorio ed è quindi in grado di orientare e facilitare l’accesso appropriato e tempestivo dell’utente a tutti i servizi esistenti" è quanto spiegato dall'Ordine.

"La figura dell’infermiere di famiglia e comunità, è stata introdotta già dal 2000 dall’Oms - ha spiegato Danilo Massai, presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche interprovinciale di Firenze - Pistoia -. I cittadini, a maggior ragione oggi, hanno bisogno di un punto di riferimento nel loro territorio, che dia risposte certe e immediate alle loro domande e che agevoli una riduzione del tasso di ospedalizzazione. Occorre garantire alle persone una continuità assistenziale. Si parla della necessità media di avere un infermiere ogni 500 assistiti - prosegue -, quindi occorre iniziare a pensare tempestivamente a come integrare l’organico esistente per guardare con più fiducia al domani. L’infermiere di famiglia e di comunità – conclude Massai - può e deve essere messo in condizione di garantire un’ottima gestione dell’assistenza territoriale. Ora tale intervento non è più rinviabile".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono quattro le caffetterie fiorentine presenti nei Bar d'Italia 2023 del Gambero Rosso,, la guida che dà i voti ai locali più amati dagli italiani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Lavoro