comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 26 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il senatore Cangini: «Io un costruttore nel Conte ter? Una bufala messa in giro da Casalino»

Attualità giovedì 16 marzo 2017 ore 11:27

Il museo di Doccia sbarca in Senato

Interrogazione dei parlamentari Alessia Petraglia (Si) e Andrea Marcucci (Pd) al ministro Dario Franceschini, sul futuro del museo di Doccia



FIRENZE — Petraglia e Marcucci, attraverso l'interrogazione, chiedono al ministro dei Beni culturali Dario "Franceschini se ha intenzione o meno di intervenire direttamente, anche con il concorso di Regione, enti territoriali e altri soggetti interessati, nell'acquisizione del museo".

A renderlo noto, un comunicato diffuso dai due parlamentari: "Quello che chiediamo al governo, e in particolar modo al ministro Franceschini, è un intervento a tutela del patrimonio culturale conservato e tutelato nel Museo di Doccia a Sesto Fiorentino - spiegano i senatori - I cittadini, le associazioni del territorio e le istituzioni locali hanno cercato in questi mesi di portare l'attenzione sullo stato di abbandono del museo. La struttura è soggetta al degrado e ora a rischio è la conservazione delle collezioni lì conservate e che sono patrimonio di una comunità tutta cresciuta attorno alla Richard Ginori, fabbrica di riferimento del territorio".

"Il museo è chiuso da oltre tre anni perché non fa parte dell'acquisizione del Gruppo Kering della Richard Ginori ma è collegato al vecchio fallimento. Le due aste pubbliche del tribunale fallimentare, del 2016 e l'ultima del febbraio 2017, sono andate deserte. Il prezzo base è fissato in 4,3 milioni di euro e su tutte le opere oggetto dell''asta c''era il diritto di prelazione dello Stato e della Società Richard Ginori", spiegano. 



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità