Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, la sicurezza blocca Simone Biles: «Mi mostra il pass? Buona fortuna»

Attualità sabato 29 ottobre 2016 ore 14:00

Il vademecum contro le truffe agli anziani

Al via campagna informazione carabinieri per per combattere il fenomeno delle truffe agli anziani. Ciclo incontri organizzato da comando provinciale



FIRENZE — Domani i comandanti di tutte le stazioni parteciperanno a oltre 60 incontri nelle sale parrocchiali e in alcune piazze, per dare consigli agli anziani e distribuire un opuscolo con un vero e proprio vademecum contro i truffatori. 

"Ci siamo resi conto che ogni volta che diamo dei consigli i cittadini rispondono positivamente - spiega il colonnello Agatino Saverio Spoto, alla guida del reparto operativo dei carabinieri del comando provinciale di Firenze - e per questo abbiamo deciso di organizzarci e avviare una vera e propria campagna".

Proprio ieri, spiega Spoto, una signora di 82 anni di Firenze ha sventato una truffa "grazie ai consigli dei carabinieri". I truffatori hanno tentato di raggirarla con la tecnica del ''falso maresciallo'' che chiama al telefono e chiede soldi, una tra le più frequenti in questo periodo. 

Questo tipo di truffa, come altri, sono illustrati nell'opuscolo che sarà distribuito ai cittadini. Tra i consigli, "non aprire agli sconosciuti", "non mandare i bambini ad aprire la porta", "non dare soldi agli sconosciuti", e, nel dubbio, "chiamare sempre il 112". 

Ci sono poi raccomandazioni specifiche per prevenire la truffa del ''falso maresciallo'' o del ''falso avvocato'': "mantenere la calma" e contattare subito i propri familiari e il 112, usando però un telefono cellulare, perché "il truffatore contatta la vittima sull'utenza fissa e una volta terminata la conversazione non interrompe il collegamento". 

La campagna di informazione continuerà anche nelle prossime settimane: "Gli incontri non finiscono qui - assicura il colonnello Spoto -, abbiamo approfittato della disponibilità delle parrocchie che ci hanno messo a disposizione i loro spazi, ma estenderemo la campagna in altri centri di aggregazione, chiedendo come già fatto in passato anche la collaborazione delle amministrazioni comunali".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Non sono scampati ai posti di blocco. I carabinieri si sono appostati in punti strategici per controllare il tasso alcolico sulle strade della movida
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità