Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:11 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 01 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Letta «Queen maker» scopre le carte: ecco chi è il primo identikit del Pd per la corsa al Colle

Attualità venerdì 03 settembre 2021 ore 12:51

I turisti del David sono cambiati nell'era Covid

Giovani, gruppi di amici e familiari. La Galleria dell’Accademia ha condotto un sondaggio sul per dare un volto al frequentatore quotidiano del museo



FIRENZE — Chi è il frequentatore tipo della Galleria dell'Accademia di Firenze, questo l'obiettivo di un sondaggio svolto dal museo fiorentino.

Il quadro generale che appare ritrae un museo visitato soprattutto da giovani e da giovanissimi. Quasi un visitatore su due ha un alto livello di istruzione e un’età compresa fra i 15 e i 24 anni.

Cecilie Hollberg, direttore della Galleria dell’Accademia di Firenze ha spiegato “Questa ricerca è stata realizzata grazie all’attività di tirocinio, svolta presso di noi, da Manuele Veggi, un giovane stagista che, con molta cura, ha gestito la preparazione, la somministrazione e la successiva elaborazione di un questionario da sottoporre ai visitatori, attraverso il quale è stato possibile monitorare il nostro pubblico. Devo dire, che i risultati sono sorprendenti, soprattutto perché ci fa capire che il museo è visitato prevalentemente da giovani e da giovanissimi: quasi un visitatore su due ha un alto livello di istruzione e un’età compresa fra i quindici e i ventiquattro anni.”

La pandemia ha condizionato la provenienza dei visitatori "Più della metà è italiana, con una netta predominanza delle regioni del Nord, in particolare Lombardia, Piemonte e Veneto e anche dalla Sicilia. In generale, l’84% proviene dall’Europa: oltre al nostro Paese, Francia, Spagna, Olanda e Germania sono gli Stati con maggior numero di turisti. Il 10% arriva dagli USA, mentre meno di venti visitatori intervistati provengono dall'Asia". 

Anche la dimensione dei gruppi risente dell'attuale situazione pandemica, "Raramente chi ha visitato il museo si è appoggiato a un tour organizzato, si tratta perlopiù di piccoli gruppi di familiari e di amici (nel 32% dei casi, solo dal proprio partner), dei quali, almeno uno, ha una conoscenza più approfondita della Galleria, per precedenti visite o per essersi informato sul sito ufficiale".

La crisi sanitaria ha condizionato la decisione del mezzo di trasporto con cui recarsi a Firenze "l’aereo è scelto da meno di un quarto dei visitatori, mentre la maggior parte si è spostata tramite mezzi pubblici su rotaia o su strada; quasi un intervistato su quattro, invece, ha preferito utilizzare la macchina".

Il questionario è stato sviluppato lungo tre linee guida differenti, volte a sondare alcune generalità dell’intervistato quale: età, provenienza, occupazione e livello di istruzione, le diverse esperienze di visita alla Galleria e alcuni dettagli relativi al soggiorno a Firenze. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A poche ore dal dibattito in Consiglio comunale l'opposizione chiede un tavolo in prefettura per analizzare il fenomeno dei furti sulle auto in sosta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità