QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 8° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 18 novembre 2019

Attualità venerdì 06 settembre 2019 ore 10:54

Busvie, una vecchia proposta che torna di moda

Con la cabina di regia del Parterre che controllerà le telecamere potrebbero trovare applicazione le corsie riservate completamente ai mezzi pubblici



FIRENZE — Firenze accende le telecamere sulle corsie preferenziali annunciando multe salate ai trasgressori, e con la control room a regime potrebbe essere attuato il piano delle Busvie.

Il progetto di realizzare alcune Busvie, o Linee Flash su percorsi integralmente riservati ai mezzi pubblici, ha preceduto la realizzazione della tramvia ed era stato avanzato dall'amministrazione Domenici su proposta dell'allora assessore alla mobilità Giuseppe Matulli. Un piano fin troppo all'avanguardia per il periodo, ma che oggi torna di moda.

Tra le eccezioni sollevate nei primi anni 2000 lo spezzettamento delle tratte interessate con nodi promiscui che avrebbero reso inutili le preferenziali, lo scarso controllo sulle corsie interessate che avrebbero avuto come unica delimitazione la segnaletica orizzontale e qualche cartello, ma soprattutto la mancata consapevolezza di una mobilità privata e pubblica che possono occupare la stessa strada, riducendo i posti auto e stravolgendo la vivibilità del quartiere, concetto pienamente assorbito oggi dall'opinione pubblica con la creazione di due linee del tram. 

Nelle ultime ore l'amministrazione ha acceso nuove telecamere per sanzionare i veicoli che transitano sulla corsia in viale dei Mille, via Sestese, piazza Puccini e viale Don Minzoni direttrici strategiche sulle quali si muovono linee urbane ad alta densità di passeggeri. Un progetto complessivo rafforzato dall'imminente realizzazione di una control room presso gli uffici pubblici del Parterre di piazza della Libertà dove - come annunciato dal sindaco in recente visita alla control room di Mosca - sarà possibile monitorare il territorio ed intervenire con le forze dell'ordine dove necessario.

L'annuncio dei maggiori controlli sulla regolarità del servizio pubblico hanno registrato la soddisfazione da parte degli addetti ai lavori. Massimo Milli vicesegretario Faisa Cisal ha spiegato a Quinews "Da anni sostengo la necessità di investire sulle corsie preferenziali che non devono essere solo delle strisce gialle sull'asfalto, ma devono essere concepite per dare vera priorità al trasporto pubblico. Sarebbe auspicabile individuare nuovi percorsi da riservare al tpl ed ai mezzi di soccorso anche alla luce delle modifiche apportate alla viabilità con la cancellazione di alcune linee che erano a lunga percorrenza e le adduzioni pensate a supporto della tramvia".



Tag

Maltempo, il Sieve esonda a Pontassieve: strade allagate e auto sommerse

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità