Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:FIRENZE24°37°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 25 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa

Lavoro martedì 26 maggio 2020 ore 18:36

Bibliotecari precari in protesta a Palazzo Vecchio

In foto la protesta in piazza della Signoria

I quasi cento impiegati nelle biblioteche cittadine in scadenza di appalto hanno chiesto garanzie sui livelli occupazionali e tutele contrattuali



FIRENZE — In concomitanza con la riapertura parziale dei servizi bibliotecari del Comune di Firenze, i bibliotecari precari in appalto si sono trovati in piazza Signoria per rivendicare il diritto al lavoro e garanzie per il futuro.

"A solo un mese dalla scadenza dell’appalto non c'è stata ancora nessuna informazione ufficiale su un’eventuale proroga o sul contenuto del nuovo bando e la maggior parte dei quasi cento lavoratori del mega-appalto delle biblioteche comunali fiorentine si ritrova in Fondo Integrazione Salariale al 67 per cento dello stipendio abituale. Ancora per qualche settimana, secondo il rinnovo contenuto nell'ultimo Decreto Rilancio. E poi che ne sarà di loro?" domanda il sindacato di Base che ha aggiunto "La scelta dell’Amministrazione di impiegare dipendenti comunali in sostituzione di questi lavoratori, oltre a rappresentare una palese violazione del codice degli appalti, costringe gli stessi dipendenti comunali a vestire scomodi panni, quelli di chi ruba il lavoro a lavoratori con i quali hanno condiviso per anni la gestione di questi importanti servizi. Attualmente, con le sole 20 ore a settimana di apertura di 5 biblioteche su 13, l'Amministrazione sta sottraendo alla cittadinanza un servizio pubblico essenziale. Anche la Regione Toscana, con il Documento di indirizzo per la riapertura di biblioteche e archivi in Toscana, contenuto nell'Ordinanza n. 59 del 22 maggio, raccomanda di includere il personale in appalto nella gestione dei servizi bibliotecari e archivistici in modalità smart o in sede.

Queste le richieste all’Amministrazione "Garanzie ufficiali sui tempi di rientro a lavoro del personale ATI, sul recupero dei mesi di sospensione e sulla proroga, specificando le condizioni, sul nuovo bando di gara che rispetti il già siglato protocollo d'intesa in materia di appalti pubblici e che non preveda riduzioni del personale attualmente impiegato e tutele per i lavoratori che, allo stato attuale, risultano coperti dal FIS solo fino alla metà di giugno e tutele per i lavoratori con contratti a tempo determinato (scaduti durante l’emergenza Covid o in scadenza a fine appalto) o con contratto a chiamata che sono rimasti esclusi dalle varie forme di sussidio statale". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il tribunale di Firenze si è pronunciato sui familiari del leader di Italia Viva per fatture false e bancarotta dopo una breve camera di consiglio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca