QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 9° 
Domani 5° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 18 gennaio 2020

Cronaca giovedì 05 dicembre 2019 ore 15:00

Astori, medico indagato chiede il rito abbreviato

Il medico è indagato per omicidio colposo a seguito della morte del calciatore della Fiorentina, l'udienza preliminare è stata spostata a gennaio



FIRENZE — L'udienza preliminare slitta per uno sciopero ed intanto si apprende dal legale dell'imputato che sarà chiesto il procedimento con il rito abbreviato. Era prevista per oggi l'udienza preliminare del procedimento a carico dell'ex direttore della medicina sportiva dell'ospedale fiorentino di Careggi, Giorgio Galanti, accusato di omicidio colposo per la morte del calciatore Davide Astori.

A causa di uno sciopero degli avvocati penalisti nel foro di Firenze, l'udienza già slittata lo scorso ottobre è stata nuovamente riprogrammata dal gup del Tribunale di Firenze per il 9 gennaio. Il legale del medico imputato, l'avvocato Sigfrido Fenyes, ha reso nota l'intenzione di voler chiedere per il suo assistito il rito abbreviato.

Davide Astori è stato trovato senza vita il 4 marzo 2018 in un albergo di Udine dove la Fiorentina si trovava in ritiro pre-partita.

Secondo l'accusa, il capitano viola sarebbe morto a causa della mancata diagnosi di una patologia cardiaca che avrebbe impedito l'attività professionistica. Secondo il pm i protocolli previsti per l'idoneità allo sport agonistico sarebbero stati violati e la procura contesta all'imputato di aver rilasciato due diversi certificati datati luglio 2016 e luglio 2017. La consulenza tecnica effettuata da periti incaricati dalla procura avrebbe rilevato aritmie cardiache nelle prove effettuate dal calciatore che avrebbero dovuto indirizzare il medico verso ulteriori accertamenti clinici.



Tag

Taglio cuneo fiscale, Gualtieri: "C'è ampia convergenza con i sindacati"

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Lavoro