Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:FIRENZE20°29°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Mirto Milani, in carcere per l'omicidio di Laura Ziliani, cantava come unico sopranista al Conservatorio

Attualità giovedì 25 marzo 2021 ore 18:40

Anche Betori cita Dante celebrando l'Annunciazione

Il cardinale Giuseppe Betori ha citato il Canto VII del Paradiso nel giorno che ricorda l'inizio diel viaggio di Dante dall'Inferno al Paradiso



FIRENZE — Nel giorno del Dantedì, l'Alighieri è stato presente anche nell'omelia proclamata oggi pomeriggio nella Basilica della Santissima Annunziata dall'arcivescovo di Firenze, il cardinale Giuseppe Betori durante l'Annunciazione.

"Oggi facciamo memoria del giorno in cui egli fa iniziare il suo viaggio attraverso Inferno, Purgatorio e Paradiso verso l’incontro con Dio" ha detto Betori.

"La solennità dell’Annunciazione si propone a noi come uno squarcio sul mistero di Dio, del suo amore, che lo porta a vivere la sua santità non come separatezza dall’umanità peccatrice, ma come misericordia verso di essa. Dante Alighieri - oggi facciamo memoria del giorno in cui egli fa iniziare il suo viaggio attraverso Inferno, Purgatorio e Paradiso verso l’incontro con Dio - ha espresso il senso del mistero che oggi contempliamo proprio sottolineando come l’umanità, allontanatasi da Dio con il peccato, viene raggiunta dalla scelta d’amore con cui il Figlio si fa uomo, il Verbo si fa carne: "fin ch’al Verbo di Dio discender piacque / u’ la natura, che dal suo fattore / s’era allungata, unì a sé in persona / con l’atto sol del suo etterno amore" (Paradiso, VII, 30-33). Il gesto con cui si svela il cuore misericordioso di Dio non cade su di noi dall’alto, ma germina all’interno dell’umanità stessa, nel grembo di una ragazza di Nazaret che si fa accogliente a questo amore, supera ogni turbamento e, nella sua umiltà, offre la propria esistenza al disegno di Dio. L’amore di Dio verso l’uomo è così grande da ritenere che la strada migliore per farsi accogliere da lui sia diventare egli stesso uomo".

Nella celebrazione è stato ricordato Carlo Casini, fondatore del Movimento per la Vita ad un anno dalla morte.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'episodio innescato da una lite per antiche ruggini, poi degenerata. La vittima è rimasta ferita, il suo aggressore è stato denunciato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Sport