comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:28 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 29 novembre 2020
corriere tv
Guerra civile a Parigi, manifestanti danno fuoco alla Banque de France

Cronaca giovedì 18 febbraio 2016 ore 16:18

Un giro vorticoso di false fatture

SERVIZIO - OPERAZIONE RISO AMARO, FRODE FISCALE DA 95 MILIONI DI EURO

Nell'operazione Riso amaro sono finiti ai domiciliari in cinque: due imprenditori di Vercelli, due commercialisti e un faccendiere del fiorentino



FIRENZE — Grazie a un complicato meccanismo di false fatturazioni fra società consortili, cooperative, appalti e subappalti, i cinque hanno messo insieme una frode fiscale da 95 milioni di euro, scoperta dalla Guardia di Finanza. 

Nell’inchiesta, coordinata dalla procura del capoluogo toscano, è stata determinante l’individuazione dei prestanome campani a cui erano intestate le società fittizie su cui venivano scaricati i costi, fra cui un’intera famiglia che si è definita "prestanome di professione" e un pensionato napoletano di 82 anni che risultava amministratore di aziende con fatturati a sei zeri.

In pratica l'organizzazione aveva costruito una piramide societaria al cui vertice c’erano le società della coppia di imprenditori vercelleso, marito e moglie, i quali dopo aver vinto appalti per la gestione di magazzini di merce e vari servizi alberghieri in Toscana, Lazio, Emilia Romagna, Liguria, Piemonte e Valle d'Aosta, li subappaltavano ad altre 7 società create dalla banda e da altre nove persone indagate che emettevano fatture a carico di oggetti inesistenti.

Nel corso dell’inchiesta, le Fiamme gialle hanno posto sotto sequestro preventivo beni mobili e immobili per oltre 42 milioni di euro.

Per altri dettagli e il ruolo dei fiorentini guarda in alto il servizio video



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità