comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 18°28° 
Domani 18°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 02 giugno 2020
corriere tv
Arriva Immuni, come funziona l'app per il tracciamento dei contatti

Attualità martedì 24 marzo 2020 ore 20:56

Covid, i ciclofattorini #dimenticatidaconte

I ciclofattorini hanno rivolto un appello al governo per ottenere aiuti economici dal fondo Cura Italia e fronteggiare la crisi delle consegne



FIRENZE — I ciclofattorini fiorentini hanno aperto una campagna social per manifestare contro l'assenza di misure nel decreto Cura italia per tutelare i rider assunti con collaborazione occasionale. La protesta è stata rilanciata dal sindacato Nidil Cgil Firenze "Sosteniamo la battaglia dei rider: sussidio anche per chi ha la collaborazione occasionale... che poi non è mai occasionale".

"Vogliamo far sapere al governo - hanno spiegato i rider - che meritiamo rispetto e tutele come tutti gli altri lavoratori, che anche noi abbiamo delle spese a cui far fronte, che non avere più soldi per noi vuol dire non poter pagare più l'affitto, i libri per studiare, il mutuo, non poter più campare i nostri figli. Il servizio di delivery è ancora in funzione, nonostante ancora le società non ci abbiano fornito i dispositivi di sicurezza, ma molti di noi in queste condizioni non possono lavorare per proteggere se stessi e i propri cari, allo stesso tempo chi può lavorare arriva a fine turno con il rischio di essersi preso il virus e, grazie alla paga a cottimo, nella maggioranza dei casi, senza aver guadagnato nulla a causa della sospensione del servizio di delivery da parte di quasi tutti i ristoranti".

"A queste condizioni chiediamo che anche per noi collaboratori occasionali venga garantito un un'indennizzo o un sussidio, attingendo dai 300 milioni di euro presenti nel nuovo fondo creato dal Cura Italia, questo fondo dovrebbe servire a dare un aiuto ai lavoratori che non sono stati adeguatamente tutelati dal decreto. Non siamo lavoratori di serie b e meritiamo anche noi una protezione contro questa crisi" hanno concluso i fattorini del capoluogo toscano.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità