Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 30 luglio 2021

— il Blog di

​Commercializzare derivati della cannabis light è reato!

di - lunedì 03 giugno 2019 ore 15:25

È reato commercializzare i prodotti derivati dalla cannabis sativa L, salvo che non si tratti di prodotti privi di efficacia drogante.

Questo è quanto affermato dalle Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione che sono andate a definire l'ambito di applicazione della Legge n. 242/2016 che invece aveva consentito la produzione e commercializzazione della cannabis light purchè per determinati scopi e con valore di THC inferiore allo 0,2%.

Il THC è quella sostanza che determina l'effetto psicotropo, con conseguente sensazione di euforia, rilassamento e disorientamento che possono protrarsi anche per ore.

Altro elemento principale della marijuana è il CBD, ovvero il cannabidiolo, sostanza priva di effetti stupefacenti che va a prolungare gli effetti analgesici del THC e a bloccare quelli collaterali.

Tendenzialmente le percentuali di CBD nella cannabis light non possono superare il 4% e secondo gli esperti ha notevoli effetti benefici per l'organismo tra cui quelli antiepilettici, antinfiammatori e antiossidanti.

Non rientra nell'ambito di applicazione della lege 262/2016, e pertanto non può essere commercializzata, l'erba terapeutica in cui i valori di Thc variano tra il 7 e il 22% e in Italia è vendibile solo dietro prescrizione medica e solo in farmacie autorizzate.

Le Sezioni Unite quindi, ribadendo la liceità della coltivazione e commercializzazione delle sole varietà indicate dalla normativa europea, evidenzia come la cannabis sativa L non rientri nell'ambito di applicazione della Legge 242, trattandosi peraltro di un elenco tassativo non soggetto a interpretazioni.

Le conseguenze.

A seguito della predetta sentenza risulta oggi vietata la vendita di oli, inflorescenze e foglie di marijuana sativa, prodotti non previsti dalla normativa tra i derivati commercializzabili, a meno che non siano concretamente del tutto privi di efficacia drogante.

Resta invece per il momento ancora lecita la vendita di altri derivati quali biscotti, creme e saponi.

Leggi anche su www.avvocatofirenze.net


L'articolo di ieri più letto
Il corpo ormai senza vita rinvenuto la notte scorsa nei pressi degli orti sociali è di un uomo che era privo di documenti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità