Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:FIRENZE16°30°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 17 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il calciatore si lancia dallo scivolo della sua villa alle Maldive per soccorrere una coppia che sta annegando

Attualità martedì 09 maggio 2023 ore 09:23

Come sarà il nuovo centro tecnico di Coverciano

Dalla fine degli anni ’50 è la Casa del calcio, Università del calcio italiano, sede dei corsi per i ruoli tecnici e per i raduni arbitrali



FIRENZE — Il consiglio comunale di Firenze ha approvato la delibera della giunta relativa alla ristrutturazione del Centro Tecnico Federale di Coverciano, l'impianto che dalla fine degli anni ’50 è la 'Casa delle Nazionali italiane di calcio', che qui preparano tutti gli eventi internazionali, e una vera e propria 'Università del calcio italiano', sede dei principali corsi per i ruoli tecnici e per i raduni arbitrali. 

Il progetto prevede un investimento di 15 milioni di euro da parte della Figc, caratterizzato da innovazione, integrazione paesaggistica, sostenibilità ed efficientamento energetico è stato redatto sulla base delle indicazioni UEFA Best Practice Guide to Training Centre Construction and Management” e “UEFA Sustainable Infrastructure Guidelines”, ed è stato presentato da Federcalcio Servizi Srl, la società di gestione del patrimonio immobiliare della FIGC, d’intesa con la FIGC e in base alle indicazioni delle struttura operative coinvolte, con l’obiettivo di intervenire in maniera organica sulla struttura inaugurata ormai oltre 60 anni fa (1958). La struttura necessita ormai di un sostanziale ed organico piano di adeguamento degli spazi e delle sue funzioni, in ragione delle evoluzioni delle pratiche di allenamento delle squadre di calcio, sul campo e in palestra, così come delle attività legate alla prevenzione e alla riabilitazione, all’organizzazione logistica e alle necessità dei media al seguito della Nazionale.

"Credo molto in questo progetto, voluto insieme al presidente della Figc Gravina che ringrazio - ha dichiarato il sindaco Dario Nardella - un risultato storico che che lega definitivamente il Centro Tecnico Federale a Firenze e lo rilancia ai massimi livelli internazionali rendendolo più accessibile e più competitivo a livello tecnico". "Senza dimenticare - ha aggiunto il sindaco - che la struttura si inserisce a Campo di Marte, il quartiere dello sport e del calcio. Grazie anche alla tramvia, che collegherà piazza della Libertà al nuovo stadio e, appunto al centro di Coverciano oltre che al Museo del Calcio, avremo un vero e proprio distretto dello sport di interesse pubblico, interconnesso nel nome del grande calcio, da quello azzurro a quello viola, che sicuramente avrà anche la capacità di sviluppare una forte vocazione turistico-sportiva".

L'intervento, che determinerà un ampliamento totale di 7.530 metri quadrati, dei quali 2.800 relativi al parcheggio, si concretizza in un complesso di azioni che valorizzano la struttura, provvedendo a nuove costruzioni ed al recupero edilizio di alcune di queste attraverso un intervento caratterizzato da criteri di rispetto e integrazione paesaggistica, di innovazione, sostenibilità ed efficientamento energetico. In tal senso una delle componenti strategiche del piano è l’autosufficienza energetica, grazie ad un impianto fotovoltaico di elevata produttività (superficie totale di 3.180m2, produzione a regime di circa 900.000 KWh annui), inserito nel contesto paesaggistico e urbano.

In relazione agli interventi previsti sui campi di gioco, sarà inoltre previsto il cablaggio di quelli principali, per favorire una produzione TV permanente per la ripresa delle gare e degli allenamenti, nell’ottica di garantire una sempre maggiore visibilità delle attività delle Squadre Nazionali sulle piattaforme FIGC. Al tempo stesso, saranno rese funzionali e accoglienti le tribune del campo n.1 e 2, così da facilitare la presenza del pubblico nelle gare in programma al CTF.

Il piano di riqualificazione del Centro Tecnico Federale si farà anche carico di un insieme organico di interventi sulle aree verdi, con nuove piantumazioni, oltre alla manutenzione delle aree pavimentate, una linea unitaria di arredi e un nuovo piano di illuminazione delle architetture e degli spazi esterni con proiettori a basso consumo e basso impatto sul contesto e sull’inquinamento luminoso della città. Ancora, sul piano della sostenibilità ambientale, sta per avviarsi un percorso che porterà alle azioni che la FIGC dovrà svolgere per compensare le emissioni di CO2.

  • Ristrutturazione della palestra e aree limitrofe. L’edificio, classificato "di interesse documentale del moderno", sarà oggetto di un accurato intervento di restauro e di un contestuale miglioramento delle prestazioni energetiche. Diventerà il cardine delle operazioni sportive nel Centro: al suo interno nasceranno una seri di spazi per le squadre, per le attività media e per il lavoro quotidiano degli staff tecnici e dirigenziali su più livelli. Nel piano seminterrato le aree per spogliatoi, gli studi medici e il magazzino per l’abbigliamento tecnico; al piano terra l’area ricerca, quella per il lavoro dei Media e gli studi TV; al 1° piano gli uffici per gli staff tecnici delle Nazionali e per le diverse unità federali che seguono le squadre, oltre ad una sala conferenze.

Sul retro dell'edificio, area oggi occupata da campi da tennis e una piscina, entrambi in disuso, è prevista la realizzazione di un nuovo edificio che avrà la funzione di ospitare la palestra e l’area per l’idroterapia. Sarà caratterizzato da una copertura piana con uno strato di terreno, degradante sui due lati, così da creare un "ponte verde" per un congruo inserimento paesaggistico. I calciatori entreranno sui campi 3 e 4 direttamente da questo percorso.

  • Campo 1 “Fabio Bresci”. È prevista la copertura della tribuna, recuperando all’interno della stessa un'area di circa 170 m2 (due locali, da 140 m2 + 30 m2) da utilizzare quale deposito degli attrezzi da gioco e del materiale d'uso per gli allenamenti.
  • Campo 2 “Enzo Bearzot”. Sul campo 2, utilizzato per le gare delle Nazionali Giovanili, è previsto il recupero del volume sottostante le gradonate della tribuna, circa 90 mq, oggi non accessibile, da utilizzare come deposito attrezzi da gioco e materiale d'uso per gli allenamenti.
  • Attuali Spogliatoi e Palestra. Le strutture che ospitano spogliatoi principali e palestra, lateralmente al campo 3 “Vittorio Pozzo” (al termine dei lavori queste aree saranno integrate nell’ex Auditorium), subiranno una manutenzione straordinaria e un adeguamento funzionale. Lo spogliatoio sarà interessato da interventi di manutenzione straordinaria e adeguamento funzionale e verrà integrato con una nuova copertura (940 mq) tale da rendere fruibile la terrazza. Verrà realizzato un nuovo edificio di servizio (spazio polivalente) alla palestra di 230 mq circa, in aderenza all’edificio esistente sul lato est e su quello prospiciente viale G. Verga, dal quale si prevede un nuovo ingresso, funzionale ad ospitare punto ristoro, servizi igienici, piccolo deposito. Tra l’altro questo ingresso sarebbe adiacente al futuro tracciato della tramvia, così da permettere di raggiungere il CTF con mezzi pubblici. Un secondo ingresso, di fianco a quello del Museo del Calcio, permetterà̀ un diretto accesso al Campo 2 in occasione di partite amichevoli.
  • Struttura Ricettiva/Ristorante. Per rendere più accogliente la Foresteria è richiesto un ampliamento (1.020 m2) per 18 nuove camere oltre alle attuali 54. Allo scopo di permettere un servizio ristorativo adeguato all’aumento del numero di camere, è necessario adeguare le superfici in uso alla cucina e al ristorante con un incremento di 150 metri quadrati, con un riordino delle pavimentazioni esterne e dell’area a verde attigua.
  • Parcheggio multipiano. L'area su via D'Annunzio, di circa 4.000 metri quadrati, attualmente in terra battuta e ghiaia, sarà riqualificata: nascerà un parcheggio su due livelli (2800 m2) di capienza di 139 posti auto, dei quali 8 a beneficio di utenti diversamente abili e colonnine per la ricarica delle auto elettriche. L’intervento prevede inoltre nuove piantumazioni e un'area ecologica per la raccolta e la differenziazione dei rifiuti. Dal piano basso del parcheggio sarà possibile accedere ad un nuovo deposito che potrà soddisfare le cospicue necessità logistiche e di approvvigionamento del Centro: l’edificio, una superficie di circa 400 m2, si svilupperà sotto il declivio verde che discende da via D’Annunzio.

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno