Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE16°29°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 04 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tita e Banti: «Ci siamo conosciuti per caso, orgogliosi di essere la prima medaglia d'oro mista dell'Italia»

Attualità domenica 07 febbraio 2016 ore 08:55

"Chiudere Sollicciano è segno di civiltà"

I radicali dell'associazione Andrea Tamburi hanno manifestato di fronte al carcere per denunciare le gravi carenze strutturali e chiederne la chiusura



FIRENZE — "Chiudere il carcere fiorentino non è una provocazione, ma una richiesta di civiltà per tutelare la dignità delle persone". Lo hanno detto a gran voce i manifestanti riunitisi davanti alla casa circondariale di Firenze. L'associazione Andrea Tamburi si batte oramai da anni per la situazione precaria del carcere di Sollicciano.

"Se un ospedale fosse ridotto così male da temere per la salute e l'incolumità dei malati e degli operatori cosa faremmo? Ne chiederemmo la chiusura immediata e il trasferimento di degenti e personale in una struttura adeguata". Queste le richieste dell'associazione fiorentina.

Secondo i radicali "Nel caso del carcere di Sollicciano non ci sono alternative ragionevoli alla chiusura. I detenuti e il corpo di polizia penitenziaria - spiegano i radicali - sono invece costretti a convivere con troppi, e troppo gravi, malanni dell'istituto". 

I radicali denunciano "Danni strutturali, infiltrazioni di umidità, ricorrenti infestazioni di topi e piccioni, gelo in inverno con il riscaldamento che si blocca per settimane e caldo torrido in estate senza possibilità di ventilazione o riparo, assenza di acqua calda sanitaria, cucine fortemente sottodimensionate, carenze igienico-sanitarie. Questa è la situazione all'interno della quale si svolge l'esecuzione di pena a Sollicciano. Una pena nella pena, che rallenta il già difficile percorso di riabilitazione e reinserimento sociale del detenuto e lede diritti fondamentali di detenuti e lavoratori, come quello costituzionale".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È stato denunciato per danneggiamento aggravato l'uomo di 28 anni che ieri in Santa Maria Novella si è reso protagonista del gesto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità