Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE10°13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 08 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il Papa si commuove mentre prega davanti alla statua della Madonna: «Avrei voluto portarti il ringraziamento del popolo ucraino»

Cronaca giovedì 18 gennaio 2018 ore 12:34

Mafia cinese dei trasporti, preso il boss dei boss

Sono in tutto 54 le persone indagate nell'operazione "China Truck" della dda di Firenze, Il grande capo ieri è stato seguito per le vie di Prato



PRATO — Non lesindando in intimidazioni e violenze, nei confronti di autotrasportatori sia cinesi sia italiani, facevano sì che i camion a circolare per l'Europa fossero sempre i loro, quelli di due aziende pratesi. Le indagini della direzione distrettuale antimafia di Firenze, scattate nel 2011, hanno portato ad individuare un'organizzazione che a quanto pare operava con metodologia tipicamente mafiosa, per imporre la propria egemonia nel settore della logistica, sfruttando i camion anche per operazioni illecite con basi anche a Parigi, Madrid e Neuss, in Germania.

L'associazione sgominita era composta da persone provenienti in gran parte da due regioni cinesi soltanto, lo Zhejiang e il Fujian. Per 33 dei 54 indagati è stata disposta la misura cautelare in carcere.

Fra di loro anche uno considerato "il capo dei capi", residente a Roma ma titolare delle due ditte di autotrasporti con sede a Prato, dove gli indagati sono in tutto 25, dei quali 16 arrestati e 9 denunciati a piede libero. Altri arresti e denunce a Milano, Padova, Firenze, Pisa e all'estero.

La dda ha inoltre disposto il sequestro di 8 società, 8 veicoli, 2 immobili e circa 60 fra conti correnti e deposito titoli per un valore di diversi milioni.

Il "capo dei capi" ieri è stato seguito dai poliziotti nei suoi spostamenti a Prato dove, data la sua ossessione per i pedinamenti, avrebbe cambiato almeno otto volte mezzo. Una volta in un ristorante ha incontrato gli imprenditori cinesi locali, i quali hanno siflato dinanzi a lui inchinandosi. A lui si attribuisce anche l'imposizione della pace che mise fine alla lotta fra bande cinisi che insanguinarono a lungo il capoluogo toscano.La sessa cosa avrebbe fatto anche a Parigi, con le bande di Francia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Operazione "China Truck" contro la mafia cinese
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Problemi di sicurezza e di traffico, allarme dei conducenti delle autovetture a noleggio che ogni giorno trasportano turisti e imprenditori
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca