Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:FIRENZE13°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Coprifuoco, riaperture e cambi di zone: le novità del nuovo decreto

Attualità martedì 06 marzo 2018 ore 11:30

Morte di Astori, ritirata la maglia numero 13

La foto pubblicata da ACF Fiorentina

Cagliari e Fiorentina hanno deciso il ritiro congiunto della maglia indossata dal capitano. Uno dei fratelli ha nominato un consulente per l'autopsia



UDINE — Le due squadre, Cagliari Calcio e Fiorentina, hanno deciso di onorare così la memoria del trentunenne Davide Astori, il cui corpo è stato trovato senza vita domenica scorsa in una stanza dell'hotel "Là di Moret", a Udine, mentre era in ritiro con la squadra. La maglia indossata dal capitano, la numero 13, sarà ritirata in modo congiunto. "Questa maglia sarà per sempre la tua", si legge sulla foto postata dalle due squadre. 

Intanto la procura di Udine, che sulla morte di Astori ha aperto un'inchiesta, ha conferito l'incarico di effettuare l'autopsia sul corpo del calciatore al direttore del centro di patologia vascolare dell'Università di Padova Gaetano Thiene e all'anatomopatologo Carlo Moreschi. Entrambi sono arrivati stamattina in procura alle 10.15 e si sono diretti nella sezione di polizia giudiziaria dei carabinieri. A loro il compito di individuare le cause della morte. 

Intanto anche uno dei fratelli maggiori del calciatore ha nominato un proprio consulente per assistere all'esame autoptico per "avere un interlocutore che aiutasse la famiglia a capire cosa sta succedendo, a capire cosa è successo per elaborare il lutto", ha spiegato l'avvocato che ha preso parte al conferimento dell'incarico per conto del legale della famiglia Astori. 

La salma domani arriverà a Coverciano. Qui sarà allestita la camera ardente in attesa dei funerali che si svolgeranno giovedì alle 10 nella basilica di Santa Croce. A Udine sono rimasti il fratello Marco e uno zio di Astori, mentre il resto della famiglia è rientrato a casa, in provincia di Bergamo. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' stato denunciato l'occupante abusivo che aveva preso dimora nello stabile comunale nell'acquedotto realizzato ai tempi di Firenze capitale
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità