Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:FIRENZE13°23°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Bologna in festa per l'ingresso in Champions League: il pullman scoperto tra i tifosi

Attualità mercoledì 10 aprile 2024 ore 16:12

Edilizia sanitaria e ammodernamento, 61 milioni alla Toscana

Sottoscritto l'accordo di programma Stato-Regione: previsti 11 interventi di edilizia sanitaria e ammodernamento tecnologico



TOSCANA — La conversione del’ex ospedale di Carrara in centro polispecialistico, il completamento della Rems di Volterra e il nuovo hospice dell’ospedale di Arezzo. Sono solo alcuni degli interventi che saranno realizzati grazie a 61 milioni di euro in arrivo per interventi di edilizia e ammodernamento delle strutture sanitarie. L'utilizzo di queste risorse è al centro di un accordo di programma Stato-Regione, appena sottoscritto.

La somma sarà distribuita in 11 interventi, 8 di edilizia sanitaria (per quasi 51 milioni) e 3 di ammodernamento tecnologico (10 milioni), che interesseranno diverse strutture dell’Asl Nord Ovest, dell’Asl Sud-Est, Careggi e dell’azienda ospedaliero-universitaria pisana, aggiungendosi così agli altri interventi finanziati negli anni precedenti nelle altre aziende della regione.

L'assessore regionale al diritto alla salute Simone Bezzini, commentando la firma dell’accordo che rientra nel fondo del cosiddetto articolo 20, il principale strumento di investimento pubblico in sanità, parla di "Un passo in avanti che consente di liberare 61 milioni di euro per la realizzazione di opere attese da tempo" con l'obiettivo "Di avere strutture sempre più funzionali ed offrire assistenza di qualità ai cittadini”.

Ecco quindi gli interventi previsti, partendo da quelli edilizi:

Monoblocco di Carrara - 6,36 milioni di euro
L’ex ospedale di Carrara sarà convertito in centro polispecialistico. Lo sarà grazie ad un intervento di adeguamento strutturale, edile ed impiantistico del complesso. A conclusione saranno riorganizzati gli spazi e concentrati all0interno i servizi sparsi ora nel territorio comunale. Nel monoblocco sarà ospitata la casa della salute e i servizi dell’ex ospedale civico, ovvero Cup e centro prelievi, ambulatori dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, servizi sociali, medico di continuità assistenziale, senologia, ambulatori di libera professione e specialistici, cure intermedie e riabilitazione, salute mentale e il centro disturbi alimentari.

Casa della comunità di Massarosa – 1,5 milioni di euro
Più servizi sul territorio, grazie alla casa di comunità che troverà posto in un immobile dell’amministrazione comunale, in dotazione ora alla Asl, che sarà recuperato e convertito. In due locali indipendenti troveranno spazio un’area dedicata alle attività di medicina generale, una destinata ai pediatri di libera scelta, un ambulatorio per le vaccinazioni dell’infanzia ed adolescenza, uno spazio per i servizi dei Cup, uno per i servizio integrati socio-sanitari e per i servizi aziendali. L’intervento contribuirà anche al recupero e alla rigenerazione urbana dell’area.

Nuovo distretto di Castelnuovo Garfagnana – 2,4 milioni di euro
Arriva il nuovo distretto, con i servizi oggi dislocati in edifici diversi riuniti in un unico immobile che sarà acquistato. La nuova struttura, che si candida a diventare punto di riferimento per l’intera Garfagnana, ospiterà centro prelievi, riabilitazione funzionale, cure primarie e vaccinazioni, salute mentale per adulti, infanzia ed adolescenti, assistenza domiciliare infermieristica e sociale.

Rems di Volterra – 5,69 milioni di euro
Un investimento importante per completare la Rems di Volterra, ovvero la residenza sanitaria per l’esecuzione delle misure di sicurezza che è una delle strutture pensate per superare gli ospedali psichiatrici. In particolare con quasi 5,7 milioni di euro sarà realizzato il lotto 2, stralcio 2, degli interventi sul padiglione Livi. Complessivamente la Rems ospiterà 40 posti letto, articolati in due distinti moduli da venti posti ciascuno, con spazi destinati al percorso di riabilitazione (ovvero sale polifunzionali, laboratori, officine, aree per attività sportiva e socializzazione).

Presidio ospedaliero di Volterra - 7 milioni di euro
Attraverso la costruzione di tre nuovi corpi fabbrica tra loro interconnessi e la ristrutturazione dell’attuale radiodiagnostica ed area medica si ridefiniscono le funzioni del fabbricato ospedaliero di Volterra: un investimento da quasi sette milioni di euro che completa gli interventi di consolidamento e miglioramento sismico già finanziati con il Pnrr. Nello specifico sarà realizzato un nuovo Pronto soccorso e ristrutturata l’area ambulatoriale ostetrico-ginecologica, mentre, adiacente al blocco operatorio, sarà approntata una nuova zona di preanestesia e risveglio ricollocando gli ambulatori chirurgici e della pre-ospedalizzazione. La rete ambulatoriale del presidio sarà collocata su due distinti livelli. I nuovi edifici accoglieranno anche il laboratorio di analisi e il centro trasfusionale. Sarà anche realizzato un nuovo ingresso, che renderà più agevole l’accesso alla struttura.

Nuovo Hospice di Arezzo – 4,5 milioni di euro
Più spazi per i malati terminali e le loro famiglie. Nel nuovo hospice dell’ospedale di San Donato ad Arezzo ci saranno otto camere di degenza e due locali di day-hospice al piano terra, mentre il primo piano sarà destinato ai servizi per il personale dipendente, spogliatoi, sale riunioni ed un’area di preparazione dei farmaci. Sorgerà ai margini del parco del Pionta, nelle vicinanze dell’ospedale: un modo anche per riqualificare l’area. L’intervento prevede, in parallelo alla nuova costruzione, la completa demolizione di volumi secondari e fatiscenti oggi non più utilizzati.

Nuova casa di comunità a Siena e distretto di viale Sardegna – 12 milioni di euro
In viale Sardegna sorgerà la Casa di comunità hub, ovvero con centrale operativa, di Siena. Al suo interno saranno riorganizzati anche i servizi al momento presenti nel poliambulatorio di Pian d’Ovile. I cittadini troveranno al suo interno un consultorio, lo Smia (ovvero il settore di salute mentale per infanzia ed adolescenza), ambulatori specialistici, assistenza domiciliare, ambulatorio infermieristico, Cup, punto unico di accesso, unità di valutazione multidimensionale, il collegamento con i servizi sociali, continuità assistenziale; diagnostica di base, la presenza di medici e infermieri notte e giorno da lunedì al sabato, ambulatori di medicina generale e pediatri di libera scelta, spogliatoi e mensa.

Stabilimento ospedaliero di Cisanello – 12 milioni di euro
L’intervento è parte del nuovo Santa Chiara, dove confluiranno tutte le attività dell’azienda ospedaliero-universitaria pisana e della facoltà di medicina e chirurgia dell’Università di Pisa. Nell’edificio 3, che sarà costruito ex novo e finanziato con le risorse messe a disposizione, saranno ospitati il dipartimento di ricerca traslazionale e delle nuove tecnologie in medicina e chirurgia, il dipartimento di patologia chirurgica, medica molecolare e dell’area critica e il dipartimento di medicina clinica e sperimentale e per questo predisposti laboratori di ricerca, aree direzionali per ricercatori e aree di servizio e supporto.

Interventi di ammodernamento tecnologico

Nuove piattaforme diagnostiche a Careggi - 2,9 milioni di euro
Sarà sostituita una delle Tac del padiglione del dipartimento di emergenza ed alta specialità (Deas) per le radioterapie ed installata una nuova Tac specifica per applicazioni cardiologiche. Con le risorse a disposizione sarà acquistato anche un ecotomografo cardiologico di altissima fascia per pazienti ricoverati nei reparti cardiologici-cardiochirurgici e per i pazienti ambulatoriali di pertinenza cardiovascolare.

Nuove apparecchiature nei presidi sanitari della Toscana Nord Ovest – 6 milioni di euro
Saranno rinnovate le apparecchiature obselete presenti nei presidi dell’Asl Toscana Nord Ovest, quelle per cui non è più possibile garantire manutenzioni o parti di ricambio. Arriveranno nuovi ecografi, nuove incubatrici neonatali, nuovi letti per la terapia intensiva, ma anche nuove colonne laparoscopiche, frigoriferi e una dotazione di 23 ecografi innovativi da impiegare nei presidi sul territorio.

Rinnovo di apparecchiature elettromedicali nella Toscana Sud Est - 1,2 milioni di euro
L’intervento finanziato con l’articolo 20 si affianca al progetto di rinnovo che attinge alle risorse del Pnrr. Saranno così sostituite le diagnostiche radiologiche tradizionali con diagnostiche digitali di nuova generazione, dalla qualità e sicurezza maggiore: ne saranno acquistate quattro con pensile per acquisizione di immagini radiologiche digitali dirette mediante utilizzo di due detettori digitali di tipo wireless e un arco a C di ultima generazione dotato di strumentazione idonea per ortopedia, endoscopia bronchiale, chirurgia urologica, chirurgia vascolare, radiologia interventistica, elettrofisiologia e cardiochirurgia. Saranno acquistati anche trentacinque elettrocardiografi ad elevate prestazioni, carrellati e compatibili con la piattaforma di telerefertazione, che consentiranno la trasmissione in rete del tracciato Ecg, e sette elettromedicali, ossia apparecchi elettrici destinati ad usi medici e sanitari da utilizzare durante le attività di ambulatorio medico.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno