Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE18°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 01 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Contratto Maldini e Massara con il Milan: «All'ultimo abbiamo rinnovato, sono molto felice»

Lavoro sabato 23 aprile 2022 ore 11:03

Dividendi Toscana Aeroporti, la questione è morale

Dure critiche dai sindacati, anche alla Regione Toscana, per i 7 milioni di euro che la società aeroportuale si appresta a distribuire fra i soci



FIRENZE — L'assemblea dei soci di Toscana Aeroporti, che gestisce gli scali Galilei di Pisa e Vespucci di Firenze Peretola, discuterà fra pochi giorni la possibilità di distribuire dividendi per 7 milioni di euro. L'esito appare scontato, perché la proposta è arrivata da socio di maggioranza, Corporacion America Italia. Tra i soci che ne potranno "beneficiare" anche la Regione Toscana (per circa 350mila euro), che ad Agosto 2021 ha versato a Toscana Aeroporti un contributo straordinario da 10 milioni di euro per far fronte alla crisi del settore a seguito della pandemia. Da qui le critiche dei sindacati - Filt Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti, Ugl Segreterie Regionali della Toscana Trasporto Aereo -, che aprono una questione morale, parlando di “comportamenti inaccettabili e mancanza di rispetto, non è una bella figura coi lavoratori colpiti dalla crisi”.

"Il sistema aeroportuale toscano, gli scali di Firenze e Pisa, come del resto gli altri aeroporti nazionali e mondiali - osservano le organizzazioni sindacali -, causa pandemia e guerra sono ancora in uno stato di profonda crisi. Il traffico aereo stenta a ripartire così come il turismo nelle nostre città d’arte. Solo da questi giorni si intravedono piccoli segnali di ripresa che fanno sperare, disgrazie mondiali permettendo, che il traffico aereo possa ritornare ai livelli pre pandemia/guerra. Ma la strada è ancora lunga e disseminata di difficoltà, ne sanno qualcosa i lavoratori dei due scali toscani e tutti gli addetti dell’indotto, circa tremila persone che da due anni sono costretti in cassa integrazione e che per le ragioni sopra esposte non sanno quando il loro lavoro riprenderà con cadenza regolare". 

"Ne sanno qualcosa tutti quei lavoratori precari che in questi due anni oltre che perdere il lavoro non hanno avuto nessun aiuto non avendo diritto alla cassa integrazione - ricordano ancora -, ne sanno qualcosa i lavoratori dell’indotto o i commercianti che operavano negli scali e che sono stati costretti a chiudere le attività. Poi la grande mobilitazione del personale a causa della triste vicenda del tentativo societario di vendere il comparto di Toscana Aeroporti Handling e con essa i lavoratori che hanno contribuito negli anni a fare grande la società, miseramente finita nel nulla per mancati affidamenti fra cedente e subentrante".

Sulla base di queste considerazioni i sindacati aprono una "questione morale" sulla richiesta di dividendi avanzata da Corporacion America Italia. "Queste segreterie - scrivono - non sono meravigliate da un simile comportamento, siamo tristemente abituati ai comportamenti dei capitani coraggiosi d’italica provenienza, dove, con il beneplacito della politica si socializzano le perdite e si privatizzano gli utili. Teniamo anche a precisare, per non incorrere in sterili polemiche, che questo modo di agire è coerente con le leggi del nostro paese, quindi niente di illegale, ma questo non esula da alcune giuste riflessioni: non è il piano legale che ci interessa, ma vogliamo valutare i comportamenti tenuti dalla società, da cui evince una mancanza di rispetto dei lavoratori e del paese ospitante. Certo Corporation America nell’occasione non fa una bella figura con i cittadini della Toscana e ne esce ridimensionata sotto il profilo morale e della credibilità pubblica".

"L’altra riflessione è a vantaggio delle nostre istituzioni e della politica locale e nazionale - concludono i sindacati -, affinché comprendano che un maggiore utilizzo della cautela quando si tratta di danari pubblici è un obbligo morale, come dovrebbe essere un obbligo morale l’ascolto delle parti sociali che in più occasioni hanno chiesto senza ottenerlo, alla Regione Toscana, che i 10 milioni di euro fossero vincolati a progetti e controlli puntuali e severi. Purtroppo temevamo questo. Questi avvenimenti aggravano le già difficili relazioni sindacali con la società, ma non favoriscono neppure le relazioni con le istituzioni a cui chiediamo inascoltati da tempo un salto di qualità nelle interlocuzioni e nel coinvolgimento propositivo su tutte quelle questioni che interessano la vita dei lavoratori e dei cittadini di questa regione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sei mesi di lavori per una delle arterie più trafficate della città. Panico tra i residenti ma anche i pendolari sono in allarme per il traffico
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Attualità