Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:11 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 01 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Politica giovedì 09 luglio 2015 ore 19:15

Sesto, i dissidenti bloccano il consiglio comunale

I 14 firmatari della mozione di sfiducia hanno abbandonato l'aula facendo mancare il numero legale. Biagiotti: "Così si penalizzano i cittadini"



SESTO FIORENTINO — Si fa sempre più aspro lo scontro nel Pd di Sesto Fiorentino. Gli 8 dissidenti che nei giorni scorsi hanno manifestato l'intenzione di sfiduciare il sindaco Sara Biagiotti non hanno fatto il benchè minimo passo indietro, nonostante da più parti sia arrivato l'invito a ritirare la mozione di sfiducia e far rientrare la crisi.

Invece in occasione del consiglio comunale di oggi i dissidenti, insieme agli altri colleghi dell'opposizione, dopo aver accolto ufficialmente una delegazione del popolo Saharawi, hanno abbandonato i banchi e fatto mancare il numero legale e costretto la vicepresidente a sciogliere l'assemblea.

"Siamo molto amareggiati - ha commentato Sara Biagiotti - perché oggi in Consiglio dovevano essere discussi atti importanti per Sesto Fiorentino e non è stato possibile. All'ordine del giorno c'era infatti l'approvazione della tariffa Tari 2015, con una piccola riduzione della tassa, circa 100 mila euro in totale, l'1% in meno. Il primo regolamento Ers, che avrebbe così permesso l'attivazione dell'edilizia residenziale sociale con alloggi a canone calmierato a favore di quelle persone nella cosiddetta fascia grigia, con un reddito troppo alto per accedere all'edilizia popolare e troppo basso per i prezzi di mercato".

"Le dimostrazioni di dissenso - ha concluso il sindaco - non possono mai andare contro i cittadini e la città".

Tutto questo il giorno dopo che i vertiti del partito toscano avevano minacciato di espulsione dal Pd tutti i dissidenti, che però non mollano. "Siamo stati sottoposti - ha detto l'ex capogruppo in consiglio comunale a Sesto, Giulio Mariani - a un processo sommario, come se il nostro fosse un gesto insensato. Ma il sindaco non è affatto privo di colpe. E per noi la frattura è insanabile".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A poche ore dal dibattito in Consiglio comunale l'opposizione chiede un tavolo in prefettura per analizzare il fenomeno dei furti sulle auto in sosta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità