Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:31 METEO:FIRENZE10°14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 11 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«Raga, se arrivano gli sbirri nessuno scappa», la guerriglia a San Siro

Attualità martedì 06 aprile 2021 ore 19:56

Presentata a Firenze l'associazione artisti Unita

Paolo Calabresi

La Commissione istruzione, formazione e lavoro di Palazzo Vecchio ha ospitato Paolo Calabresi che ha presentato l'associazione degli artisti italiani



FIRENZE — L'associazione "Unita", presieduta dall'attrice Vittoria Puccini e che vede tra i fondatori anche Stefano Accorsi è stata presentata a Firenze dall'attore e regista Paolo Calabresi, ospite in Commissione istruzione, formazione e lavoro a Palazzo Vecchio.

U.N.I.T.A., associazione di categoria fondata da più di 1300 interpreti del teatro e dell’audiovisivo, è stata creata per sostenere e promuovere la centralità del mestiere dell’attore e dell’attrice all’interno del panorama artistico e culturale e nella formazione sociale di ogni individuo.

La consigliera Laura Sparavigna, presidente della Commissione che ha accolto Calabresi, attore e interprete di molti film e fiction di successo, ha spiegato “La pandemia ha acceso un faro sulle disparità in termini di condizioni, tutele e sicurezze connesse alla forma contrattuale. Una disparità intollerabile! Il settore dello spettacolo è chiuso da oltre un anno ormai ed ha subito effetti disastrosi sia per la collettività che per i singoli lavoratori, creando difficoltà nel presente e pregiudicandone la ripresa a causa della perdita del passaggio dei saperi”.

“Questa associazione, presieduta dall’attrice fiorentina Vittoria Puccini ma che vede tra i fondatori anche Stefano Accorsi, direttore artistico del Teatro della Pergola di Firenze ci è stato spiegato punta ad un riconoscimento giuridico delle professionalità coinvolte. La nascita di questa associazione è frutto di un impegno cresciuto negli anni e maturato in questo periodo di emergenza che ha reso gli orizzonti lavorativi di chi lavora nel mondo dello spettacolo, come quelli di altre realtà sociali, ancora più critici e complessi. Inizia così un percorso di audizione, congiunto alle altre commissioni, delle rappresentanze sindacali e datoriali che compongo il articolano il complesso mondo della cultura, settore al centro dell’identità del nostro Paese e che ha contributo a creare il concetto ed il prestigio del Made in Italy”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due mamme e un uomo sono finiti in arresto per abusi sulle figlie e diffusione su internet le immagini delle violenze. Le bimbe sono in luoghi sicuri
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca