comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 19°30° 
Domani 22°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 19 settembre 2020
corriere tv
Il virologo Crisanti: «A costo di tenere più gente a casa, con la febbre oltre 37 non si dovrebbe andare a scuola»

Attualità lunedì 16 marzo 2015 ore 19:20

Prefettura-Comuni, una task force anti criminalità

Varratta e i sindaci dei 42 comuni della provincia hanno firmato un protocollo per contrastare il rischio di infiltrazioni negli appalti pubblici



FIRENZE — Alla presenza del sottosegretario all'Interno Domenico Manzione, l'intesa prevede, tra l'altro, che siano moltiplicati i controlli antimafia sugli appalti pubblici e che questi vengano estesi anche ai contratti che riguardano gli immobili di proprietà comunale. 

Il documento siglato è stato interamente elaborato dalla prefettura e condiviso con gli enti locali, per rispondere all'esigenza di tutelare ancora di più gli appalti pubblici dai tentativi di infiltrazioni mafiose. 

Due sono gli aspetti salienti del documento: il primo riguarda gli immobili di proprietà dei Comuni che diventeranno dei 'sorvegliati speciali': d'ora in poi prima di vendere, concedere o affittare un immobile di proprietà comunale sarà necessario che siano svolti i controlli antimafia sugli acquirenti e/o sui locatari. 

Inoltre, per aumentare i controlli da parte della prefettura vengono abbassate molto, rispetto alla normativa nazionale, le soglie degli accertamenti antimafia. Per gli appalti di lavori pubblici il limite scende a 1 milione di euro dai 5 milioni previsti, per la prestazione di servizi e forniture pubbliche passa a 150mila euro da 200mila mentre resta a 150mila per i subappalti e/o subcontratti ma l'intesa impone di acquisire le informazioni antimafia, invece della semplice comunicazione antimafia, in modo da rendere più incisive le verifiche. 

Se dai controlli poi emerge un tentativo di infiltrazione mafiosa, il contratto non potrà essere sottoscritto o sarà risolto con una penale a carico dell' impresa. Analogo meccanismo scatterà in caso di fenomeni di corruzione. In alternativa alla risoluzione del contratto, prefetto e Anac potranno disporre la sostituzione degli amministratori o commissariare l'azienda.

Luigi Varratta - Video
Dario Nardella - dichiarazione


Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni 2020

Elezioni 2020

Elezioni 2020

Attualità