Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE15°29°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 20 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Zaccagni affitta l'Olimpico e con un rigore svela il sesso del figlio

Attualità martedì 18 gennaio 2022 ore 19:08

Se il Pnrr trasforma piccoli borghi in buchi neri

Allarme dell'Ordine degli Ingegneri di Firenze sul rischio di escludere i piccoli Comuni dalla distribuzione dei fondi del Piano nazionale



FIRENZE — I piccoli borghi della Toscana guardano con interesse al Piano nazionale di ripresa e resilienza ma Anci Toscana si è fatta portatrice dei dubbi riguardo la distribuzione dei fondi e nelle ultime ore anche l'Ordine degli Ingegneri di Firenze ha alzato la voce.

Si è parlato del rischio di creare "buchi neri" nei piccoli comuni che potrebbero restare esclusi se non altro per una procedura burocratica proibitiva per amministrazioni limitate in termini di personale e di mezzi.

“Il Pnrr è una occasione irripetibile per riqualificare e mettere in sicurezza le aree abbandonate della regione: per questo è un rischio tenerne fuori i piccoli Comuni” così il presidente dell'Ordine degli ingegneri di Firenze, Gianfranco Fianchisti, che ha lanciato l'allarme sull'esclusione dai fondi per la rigenerazione urbana di circa 100 amministrazioni comunali piccole e medie della Toscana.

“Capisco la richiesta di tanti sindaci e dell'Anci Toscana di rivedere i criteri di accesso ai fondi del Pnrr per far partecipare anche i Comuni più piccoli - ha aggiunto Fianchisti - Il rischio è di accentuare le differenze interne alla regione, creando una Toscana di serie A e una Toscana di serie B: da una parte smart cities, dall'altra buchi neri. Già nelle settimane scorse la Regione, con l'assessore Stefano Ciuoffo, aveva chiesto al governo di avere un ruolo di redistribuzione e coordinamento maggiore per evitare il rischio che siano premiati solo i capoluoghi a scapito delle altre amministrazioni. Una richiesta di buonsenso a cui noi, come Ordine degli Ingegneri, ci sentiamo di aggiungere quella di snellire il più possibile le procedure burocratiche anche per le risorse destinate ai privati. Penso ad esempio ai fondi per il Superbonus, che rischiano di restare sottoutilizzati a causa delle lungaggini burocratiche e delle incertezze interpretative".

Intanto oggi Anci Toscana ha organizzato un incontro virtuale per fare il punto sul bando riservato ai borghi storici. Oltre 300 gli amministratori collegati, per una iniziativa aperta non solo alla Toscana ma anche alle Marche.

I Comuni interessati devono presentare le domande entro il prossimo 15 Marzo: tempi stretti che rendono particolarmente urgente capire come partecipare, vista anche la complessità delle procedure.

Dopo l'introduzione del direttore Simone Gheri, il delegato AnciToscana per i Borghi e sindaco di Sorano Pierandrea Vanni ha sottolineato come finalmente il bando registri una inversione di tendenza delle politiche nazionali, per far uscire dell'isolamento i piccoli Comuni storici; sebbene con risorse per ora non eccezionali. Il responsabile nazionale del Dipartimento Cultura e Turismo Anci è entrato nel dettaglio invitando a puntare su progetti che prevedano attenzione al partenariato pubblico privato, alla sostenibilità, alle idee innovative, al coinvolgimento delle comunità. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Domani possibili ritardi e cancellazioni. Autolinee Toscane: "La regolarità del servizio dipenderà dal grado di adesione allo sciopero"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità