Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:25 METEO:FIRENZE10°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità sabato 28 settembre 2019 ore 14:47

Passeggiate urbane, nei luoghi da recuperare

Incontri e passeggiate con architetti di fama nazionale e internazionale per indagare sulle aree definite "irrisolte o indeterminate" di Firenze



FIRENZE — Si è tenuta questa mattina in piazzale Vittorio Veneto la prima passeggiata urbana organizzata nell'ambito di “Spazi Sospesi”, progetto promosso da Ordine degli Architetti, Fondazione Architetti e Comune di Firenze, con la curatela scientifica di Ground Action, in programma da questo mese fino a novembre, che prevede incontri e passeggiate con architetti di fama nazionale e internazionale per indagare le aree irrisolte o indeterminate di Firenze e mettere in luce possibili recuperi di paesaggi e spazi, per proporre possibili azioni da avviare nel breve periodo.

Il primo luogo scelto è stato piazzale Vittorio Veneto, dove stamani si è tenuta la passeggiata urbana con esplorazione, interviste, mappatura e restituzione sul modello degli urban sketchers. Protagonisti di questa giornata sono stati gli studi Coloco (Parigi), Analogique (Catania), Babau Bureau (Venezia), HPO (Ferrara) e Scuola del terzo luogo (Lecce).

Dopo piazzale Vittorio Veneto, nelle prossime settimane sarà la volta di viale Tanini e piazza Luigi Dallapiccola: in tutto tre incontri per discutere il futuro di questi luoghi “che attualmente non hanno una loro riconoscibilità vera e propria, un loro utilizzo definito – spiega Silvia Moretti, presidente della Fondazione Architetti Firenze – l'obiettivo di questo progetto è suggerire punti di vista inattesi o non ancora espressi e riflessioni su luoghi presi come casi tipo che, tramite piccoli interventi a volte anche capillari, possano ritrovare una nuova identità, al fine di capire quali possano essere le opportunità per alcuni luoghi centrali di Firenze”.

Oltre a questi tre incontri (aperti gratuitamente a tutti i cittadini, mentre gli architetti che vorranno ricevere i crediti formativi dovranno iscriversi e seguire le procedure indicate), dall'8 al 10 novembre si terrà anche un workshop operativo a cura di Ground Action per riflettere sull'area esterna della Palazzina Reale, quella dell'Esedra, con l'obiettivo di produrre un’installazione-azione temporanea e immaginare un futuro anche per questo spazio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A spaventare i residenti è la cantierizzazione dei lungarni ma anche l'impatto che la nuova infrastruttura avrà sulla viabilità interna della zona
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità