Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:31 METEO:FIRENZE13°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 20 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Ad oggi l'Italia ha assegnato 11 milioni di vaccini: 3 milioni a Vietnam e Indonesia»

Attualità mercoledì 05 agosto 2020 ore 18:31

Il bagno fa paura e le siepi nascondono la latrina

La denuncia di un frequentatore del Parco di Villa Favard mette in evidenza la criticità del servizio pubblico presente all'interno dell'area verde



FIRENZE — Un fiorentino, frequentatore del Parco di Villa Favard, ha segnalato le criticità presenti all'interno dell'area verde di Rovezzano sottolineando le difficoltà di accedere al bagno pubblico. Dopo aver assisto per l'ennesima volta agli effetti che il disservizio procura agli utenti del giardino, ha deciso di rivolgersi direttamente al sindaco con una lettera aperta.

"In teoria ci viene detto che il bagno pubblico c’è - scrive il cittadino - ma la realtà è ben diversa. Se davvero un utente ha bisogno di utilizzare il bagno, in assenza di indicazioni e cartelli può venire a sapere che il gestore del chiosco ha una chiave di accesso ad un locale specifico definibile toilette. Se si trova aperto il chiosco e si riesce ad avere la chiave occorre percorrere circa trecento metri di prato, senza vialetto, magari nel fango, per arrivare ad un cancello chiuso con una catena e sorvolo sul tipo di bagno che si trova oltre l’ostile cancello". 

"L'utente del parco - prosegue la lettera del cittadino - si adegua quindi ad espletare i bisogni nel limitrofo vialetto coperto da una siepe originariamente decorativa. Oppure si apparta fra altre siepi, tutte con la stessa presenza di escrementi, carta igienica e fazzolettini bianchi". "Mi permetto di far notare l’importanza, anche educativa, di predisporre nei nostri parchi, a partire da quello di Villa Favard a Rovezzano, adeguate soluzioni e ben segnalate - conclude la lettera diretta al sindaco - come accade del resto in molte città europee dove il senso civico è non a caso assai più radicato che da noi".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La rimozione dell'insegna rappresenta la fine di un'epoca per generazioni di autisti e per i fiorentini che sono cresciuti a bordo degli autobus
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità