comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 15° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 02 aprile 2020
corriere tv
Il partigiano Malerba invia un video al Colle e Mattarella lo chiama

Attualità martedì 25 febbraio 2020 ore 19:55

Coronavirus, primo caso, le scuole restano aperte

Tampone positivo ed accertamenti per un imprenditore fiorentino. Nel pomeriggio l'incontro tra i sindaci e la Regione sulla gestione dell'emergenza



FIRENZE — "Come comunicato dalla Regione Toscana, domani le scuole di ogni ordine e grado resteranno aperte. ‬Confido nel buonsenso di tutti i cittadini: niente panico, seguite il decalogo ministeriale e per le emergenze contattate i numeri specifici" è questo l'appello lanciato dal sindaco di Firenze, Dario Nardella. Al momento il Comune di Firenze non ha disposto speciali restrizioni limitandosi ad attivare in modo permanente la sala operativa della Protezione Civile per monitorare la situazione sanitaria sul territorio.

Il primo caso sospetto di contagio con tampone positivo registrato a Firenze riguarda un imprenditore di 63 anni che è stato trasportato a Santa Maria Nuova e successivamente al Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri. Si è rivelato invece negativo il caso sospetto relativo ad una passeggera del trasporto ferroviario presa in carico dal 118 a Santa Maria Novella nella serata di ieri.

Il presidente della Giunta regionale, Enrico Rossi, insieme all'assessore alla salute Stefania Saccardi e al presidente dell'Anci Matteo Biffoni, ha incontrato i sindaci toscani ed ha fatto con loro il punto sulla situazione attuale, illustrando le decisoni condivise e l'esito della teleconferenza avuta questa mattina con il premier Conte ed il commissario Borrelli.

"Ad ora - ha spiegato Rossi - tutti i casi sospetti che si sono manifestati in Toscana, anche quelli che poi si sono rivelati negativi, sono stati isolati e valutati. La situazione al momento appare sotto controllo e non ci sono le condizioni per giustificare provvedimenti d'emergenza come, ad esempio, la chiusura delle scuole o la sospensione dei concorsi". "Ci sono solo due casi di tamponi positivi per i quali manca ancora la conferma definitiva dal Minitero. Per il momento la situazione è sotto controllo. Non c'è un focolaio, né è stata definita una zona con la più elevata possibilità di contagio. Il sistema di prevenzione e controllo messo in atto sembra funzionare. La situazione si evolve di giorno in giorno, quindi se le condizioni cambieranno, anche le misure di controllo cambieranno. L'attenzione resta alta, ma ogni provvedimento deve essere preso attenendosi a criteri scientifici. Dobbiamo far prevalere la razionalità e la logica, non assecondare la paura solo per placare l'opinione pubblica" ha detto Rossi.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità