Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:35 METEO:FIRENZE23°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 28 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ucraina, il centro commerciale di Kremenchuk devastato dopo l'attacco russo: il video dal drone

Attualità sabato 19 marzo 2022 ore 14:30

Malamovida e sosta, dal centro protesta a tenaglia

movida notturna, ressa di persone

Raffica di lettere dei comitati di residenti del centro storico ai vertici di Palazzo Vecchio per rivendicare quiete e decoro, ma anche più posti auto



FIRENZE — Una lettera all'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti per rivendicare più spazi sosta per le loro auto, una all'assessore alla sicurezza Benedetta Albanese per invocare quiete notturna, sicurezza e decoro a fronte della malamovida, una terza al sindaco Dario Nardella per metterlo a parte delle due precedenti: è la protesta a tenaglia che si leva da parte dei residenti del centro storico.

A prendere l'iniziativa è il coordinamento dei comitati del centro storico, appunto, con i residenti che chiedono risposte concrete, ricordando come una loro richiesta di incontro urgente sulla malamovida "che è sempre fuori controllo" non abbia avuto dal sindaco alcun riscontro. Dunque l'impuntatura: "E’ chiaro che così naufragherà il proposito di una fattiva collaborazione con l’amministrazione nell’interesse esclusivo della città tutta", è la chiusura della lettera a Nardella.

Ma torniamo alle altre due, apparentemente su temi distinti e distanti ma che invece hanno a fattor comune la qualità della vita di chi abita nel centro cittadino. "La sua risposta alla nostra richiesta sui posti auto in più per i residenti rasenta la presa in giro", scrivono a Giorgetti.

"E' il tono burocratico della sua risposta che ci offende, come se Lei non conoscesse quanto sia grave il problema dei parcheggi, soprattutto in Oltrarno. Basterebbe anche un solo stallo in più per ripristinare la striscia dei posti auto a lato di piazza del Carmine se ci fosse la volontà di venire incontro ai residenti. Non è successo, neppure stavolta". 

Non solo: "Lo dimostra anche il trattamento dilatorio riservato ai residenti sul caso dei posti auto soppressi in piazza Davanzati o sull’anarchia segnalata più volte in via Palazzuolo".

"Negare il legame tra l’insicurezza e la malamovida - è invece lo strale indirizzato ad Albanese - ci riporta indietro di anni", scrivono facendo riferimento al 2018 e alla sottoscrizione del Patto per Firenze sicura siglato a seguito del decreto dell'allora ministro degli interni Marco Minniti. 

Non convince la via degli accordi coi gestori dei locali "adottata in passato con risultati insignificanti". L'invito: "Venite a vedere che succede nella città che voi governate all’una, alle 2, alle 3 di notte e anche oltre. E poi prendere decisioni serie".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Comune accoglie l'invito dell’Autorità idrica Toscana: stop all'uso dell'acqua potabile per scopi diversi da quelli igienico-domestici
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca