Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:05 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 27 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il centro di Catania scomparso sotto la forza dell'acqua

Attualità domenica 16 maggio 2021 ore 19:30

Case popolari, scontro in vista del nuovo bando

Botta e risposta tra opposizione e maggioranza di Palazzo Vecchio sull'assegnazione degli alloggi popolari alle famiglie fiorentine in difficoltà



FIRENZE — La crisi economica dovuta alla pandemia ha modificato l'equilibrio sociale, causando un aumento di richieste di aiuti economici per le necessità quotidiane dalla spesa al pagamento delle utenze ma anche al pagamento dei canoni di affitto, un fenomeno quest'ultimo mitigato dal blocco degli sfratti il cui termine preoccupa sindacati e associazioni di inquilini. E' in questo scenario che è maturato lo scontro tra maggioranza e opposizione in vista del nuovo bando per gli alloggi popolari.

La Lega ha organizzato una conferenza stampa con "10 proposte concrete per rilanciare il tema delle Case Popolari" con l'annuncio di una battaglia in Consiglio comunale e nei quartieri.

Il carroccio fiorentino è tornato in Piazza dell’Isolotto, concentrandosi sul tema dell’assegnazione degli alloggi popolari, e senza risparmiare critiche all’Amministrazione. La Sottosegretaria al Ministero del Lavoro, senatrice Tiziana Nisini e il Consigliere regionale della Lega Giovanni Galli, assieme alla Responsabile dipartimento Politiche Sociali Barbara Nannucci e al Commissario della Lega Federico Bussolin.

“Oggi ricorre la giornata internazionale della famiglia - dichiara la responsabile del dipartimento politiche sociali della Lega Barbara Nannucci - fondamento della società e la casa è lo spazio protetto dove convive il nucleo familiare. In tale contesto, il disagio abitativo può assumere i caratteri di una vera e propria emergenza che l’amministrazione non può ignorare dando risposte concrete basate sull’equità redistributiva. Le case popolari prima agli italiani non sono una utopia - ha detto Tiziana Nisini-. Dopo essermi occupata proprio di questo, durante il mio assessorato ad Arezzo, posso dire che le case popolari sono composte per 86 per cento da italiani e dal 14 per cento da stranieri. Visto che il bando è stato costruito nel pieno rispetto della legge regionale Toscana, non capiamo come mai a Firenze si presenti una situazione del tutto inversa. La Lega di Firenze ha presentato delle proposte di buon senso che possono portare l’amministrazione a rivedere il nuovo bando che uscirà nel 2021. Viste le difficoltà che ci sono state in questo anno di pandemia ci aspettiamo che il comune agisca di conseguenza è sostenga tanti nostri concittadini in difficoltà”.

L'assessore alla Casa Benedetta Albanese ha replicato alla Lega “Quando parla di case popolari la Lega è sempre pronta a fare affermazioni che non fotografano obiettivamente la realtà. Oggi ne abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione perché a Firenze non c’è assolutamente, come dicono loro, ‘una situazione del tutto inversa’ rispetto ad Arezzo. E i numeri parlano chiaro: nella nostra città l’80 per cento degli alloggi erp è assegnato a cittadini italiani, mentre il 20 per cento a stranieri. La Lega verifichi i dati prima di parlare. Il Comune di Firenze assegna le case popolari ai fiorentini che ne hanno diritto e che hanno i requisiti previsti dalla legge - continua l’assessore -, lo ha fatto in passato e continuerà a farlo. Il nuovo bando per l’assegnazione seguirà i parametri stabiliti dalla legge regionale e metterà in atto tutti i controlli necessari affinché chi ha diritto possa ottenere una risposta al proprio bisogno abitativo, al quale come Comune stiamo rispondendo con varie misure come, ad esempio, il contributo affitti e il Piano casa che prevede tipologie diverse di abitazioni per i cittadini più in difficoltà”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il giovane scooterista è stato trasportato in ospedale in codice rosso. Via Aretina è rimasta chiusa per circa due ore per soccorsi e rilievi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità