Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:51 METEO:FIRENZE11°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 18 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità lunedì 14 novembre 2016 ore 19:41

E il battistero si illumina di blu

"Occhi sul diabete" è lo slogan della campagna promossa da Diabete Italia Onlus in occasione della Giornata mondiale dedicata a questa malattia



FIRENZE — Oggi in Italia vivono più di 3,5 milioni di persone con diabete diagnosticato di cui oltre il 90 per cento di tipo 2, a cui si aggiunge 1 milione di persone con diabete tipo 2 non diagnosticato e 3,6 milioni di persone con una alterazione dei valori della glicemia tali da configurare un alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. In pratica oggi oltre il 10 per cento della popolazione italiana ha difficoltà a mantenere sotto controllo la glicemia. E nel 2030 si prevede che le persone diagnosticate con diabete saranno 5 milioni.

Il 14 novembre si celebra così la Giornata Mondiale del Diabete 201 istituita nel 1991 dall'International Diabetes Federation e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. 

In Italia viene organizzata dal 2002 da Diabete Italia Onlus per sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sul diabete, la sua prevenzione e gestione. E per l'occasione moltissime città hanno deciso di colorare con luci blu alcuni dei loro monumenti più famosi, come, a Firenze, il battistero di San Giovanni del complesso del Duomo.

Ogni anno il diabete di tipo 1 registra un aumento di oltre il 3 per cento dei casi, con una progressiva diminuzione dell’età della diagnosi. E ciò avviene anche in Toscana.

“Ogni anno – spiega Sonia Toni, responsabile del Centro regionale di Diabetologia pediatrica del Meyer – in Toscana ci sono circa cento nuovi casi di diabete di tipo 1 in età pediatrica. Per questi bambini e le loro famiglie, spesso, si tratta di una realtà difficile da accettare. Ma con il diabete si può vivere bene, basta conoscerlo e imparare a gestirlo. E non ci stanchiamo mai di ripetere che arrivare a una diagnosi precoce è fondamentale: ci sono segnali, nei bambini, che genitori e pediatri non devono sottovalutare”. Anche il diabete di tipo 2 sta conoscendo un aumento esponenziale: “Per combattere questa patologia abbiamo due armi a disposizione – ricorda Sonia Toni – un’alimentazione corretta e uno stile di vita attivo, non sedentario”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un ragazzo di 17 anni ha perso la vita sulle strade fiorentine dopo un impatto tremendo, lo scooter sarebbe finito contro un'auto e poi contro un muro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca