Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:01 METEO:FIRENZE13°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 20 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Centrodestra, il vertice tra Berlusconi, Meloni e Salvini a Villa Grande

Attualità venerdì 13 febbraio 2015 ore 18:00

Nuovi treni Jazz per i pendolari fiorentini

Trenitalia e Regione hanno presentato i nuovi treni per l'area metropolitana fiorentina. Entro il 2016 sarà rinnovato l'85% dei convogli in Toscana



FIRENZE — In vista dello sviluppo della città metropolitana, la Regione ha commissionato a Trenitalia anche una dozzina di treni Jazz, appositamente pensati per gli spostamenti nell'area urbana. Porte larghe, 290 posti a sedere e soprattutto un motore in grado di accelerazioni immediate, per ridurre i tempi di sosta nelle stazioni. Treni che verranno impiegati a partire dalla metà del 2015 nelle tratte comprese tra Firenze e Pistoia e tra il capoluogo e il Valdarno. Tre di questi treni sono già arrivati e serviranno per una prima sperimentazione del servizio. Totale della commessa, in questo caso, 80 milioni.

I primi 3 treni Swing invece, convogli diesel dotati di tutti i comfort e in grado di raggiungere i 130 km orari, entreranno in servizio sulla Lucca - Aulla, mentre entro la fine dell'anno ne arriveranno dalla Polonia altri 10, che verranno utilizzati anche per i pendolari dell'area attorno a Siena. Costo complessivo della commessa: 56 milioni di euro.

Due consegne che hanno fatto esultare il governatore della Toscana Enrico Rossi, che ha però voluto ribadire un concetto a lui caro: i ritardi dei treni pendolari non verranno mai ridotti considerevolmente, finché non verrà risolta la questione del sottoattraversamento di Firenze dei treni ad alta velocità. "Chi ha colpe paghi - ha detto Rossi - ma non è possibile che a pagare siano i 30 mila pendolari che ogni giorno viaggiano sui treni della Toscana".

Treni che a partire dal 2016 saranno praticamente tutti nuovi, visto che con gli ultimi arrivi programmati, entro fine anno l'85% dei convogli sarà nuovo o interamente rinnovato.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La rimozione dell'insegna rappresenta la fine di un'epoca per generazioni di autisti e per i fiorentini che sono cresciuti a bordo degli autobus
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca