comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 12°24° 
Domani 13°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 27 maggio 2020
corriere tv
Sala: «Ci sono Regioni che non vogliono i milanesi. Me ne ricorderò quando andrò in vacanza»

Attualità sabato 16 maggio 2015 ore 14:58

Casa della Carità, la dimora per anziani soli

L'arcivescovo di Firenze, Giuseppe Betori, ha visitato il cantiere di via Corelli a Novoli dove sorgerà un condominio per persone svantaggiate



FIRENZE — I lavori sono partiti e termineranno, se tutto va secondo i piani, tra un anno. A finanziare la costruzione di questo condominio solidale, che ospiterà anziani soli e persone svantaggiate provando a colmare il vuoto abitativo e di housing sociale che insiste sul quartiere di Novoli, sono la Cei con 2,5 milioni di euro, l'Ente cassa di Risparmio di Firenze con altri 2,5 milioni e la diocesi fiorentina con 1,5 milioni.

Si tratta di una struttura pensata e realizzata in occasione del 5° Convegno Ecclesiale Nazionale che si terrà a Firenze tra il 9 e il 13 novembre del 2015.

Il condominio ospiterà 16 appartamenti e un'area per l’infanzia, che potrà essere un asilo o un doposcuola. Mentre nella parte saranno realizzati un centro diurno per anziani, un centro di accoglienza per emergenze abitative e gli spazi che ospiteranno una comunità di religiose a cui verrà affidata la cura e il coordinamento dei servizi previsti.
"Papa Francesco -ha detto monsignor Giuseppe Betori - richiama spesso l’attenzione della società simultaneamente sulla condizione dei giovani e su quella degli anziani, come realtà tra loro connesse, e sul patrimonio di saggezza per la società che sono gli anziani, che meritano quindi tutta la nostra solidarietà. L’apertura dei lavori della nostra Casa della Carità è un segno di umanesimo riuscito sulla strada verso il Convegno Ecclesiale Nazionale”.

“Siamo stati davvero lungimiranti, assieme alla diocesi – ha detto invece il presidente della Cassa di Risparmio di Firenze Umberto Tombari - nel capire, fin dal 2002, l’importanza di garantire servizi nelle periferie e riteniamo che questa operazione sia il passo ulteriore di un nuovo modello di Fondazione che cerca di rispondere ad esigenze concrete del territorio con progetti strutturali e permanenti di grosso impatto e in sinergia comportanti istituzioni locali e nazionali". 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità