Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE14°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
No-vax contesta Letta e interrompe il comizio a Trieste: «Il vaccino è libertà?»

Attualità giovedì 29 luglio 2021 ore 18:05

C'era una volta il licaone, 2 milioni di anni fa

Licaoni
I licaoni ai giorni nostri sono i cani selvatici africani

Per la prima volta uno studio coordinato dall'università di Firenze descrive resti di un canide fossile di grandi dimensioni ritrovati con resti umani



DMANISI (GEORGIA) — C'era una volta il licaone, 2 milioni di anni fa. La nuova scoperta arriva da Dmanisi, nel Caucaso meridionale, in Georgia, uno dei siti preistorici più importanti a livello mondiale, ed è frutto di una ricerca coordinata da Saverio Bartolini Lucenti dell'università di Firenze.

Sono stati descritti per la prima volta i resti di un canide fossile di grandi dimensioni attribuito alla specie “ipercarnivora” Canis (Xenocyon) lycaonoides, ritrovati in associazione a resti umani: si tratta dell'antenato dell’attuale licaone, la specie africana Lycaon pictus. Le evidenze fossili testimoniano anche un comportamento sociale della specie animale. Era l'alba della domesticazione.

La ricerca è stata pubblicata su Scientific Reports, del gruppo Nature. Il lavoro si colloca nel contesto dell'indagine sui carnivori fossili sviluppata da un team internazionale georgiano-italo-spagnolo, sotto la supervisione di Lorenzo Rook, docente di Paleontologia e paleoecologia presso l'Ateneo fiorentino.

"Le analisi anatomiche e morfometriche degli esemplari fossili di Dmanisi, confrontate con un grande database di canidi attuali e fossili provenienti da tutto il mondo – spiega Bartolini Lucenti -, mostrano che questa specie era un canide di grossa taglia, un super-predatore che, come altri canidi ipercarnivori, cacciava in gruppi e aveva un complesso comportamento sociale, comparabile a quello dell'attuale licaone che presenta forme di altruismo verso i membri del proprio gruppo perfino più accentuate di quelle del lupo grigio".

"Sono le stesse evidenze fossili a portare a questa conclusione – precisa Rook -: il cranio di un licaone della specie trovata a Dmanisi, con dentatura riassorbita e malformazioni ossee al muso e alla mandibola può essere arrivato all'età adulta solo se sostenuto in maniera altruistica dai membri del branco". Continua Rook: "È singolare trovare due specie di mammiferi altamente sociali a Dmanisi: il licaone eurasiatico e Homo erectus, che hanno evidenze dirette di mutuo appoggio verso altri membri dei loro gruppi. La chiave del successo in termini di dispersione geografica e ecologica di queste due specie potrebbe risiedere proprio in questa loro spiccata socialità".

Gli antenati dei licaoni hanno avuto origine in Asia all'inizio del Pleistocene, intorno a 2,5 milioni di anni fa. Il dato di Dmanisi si pone come prima testimonianza certa della loro dispersione verso ovest, alle porte dell'Europa, 1,8 milioni di anni fa. Da quel momento in poi gli antenati del licaone colonizzarono l'Europa, l'Africa e perfino il Nord America. Questa specie è scomparsa durante la transizione tra Pleistocene inferiore e Pleistocene medio (circa 1 milione di anni fa) ma i suoi discendenti sopravvivono in Africa ancora oggi con la specie Lycaon pictus, il licaone africano.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Mattinate infernali per gli automobilisti che attraversano i viali tra la Fortezza da Basso, Ponte Rosso e Campo di Marte a causa dei cantieri
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità