Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:00 METEO:FIRENZE19°25°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 17 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Galatasaray-Lazio, la clamorosa papera di Strakosha: l'autogol regala la vittoria ai turchi

Arte martedì 03 ottobre 2017 ore 11:05

Rinascimento giapponese agli Uffizi

Nella biblioteca della Galleria la prima mostra sull'arte giapponese corrispondente al periodo italiano dal primo Rinascimento agli inizi del Seicento



FIRENZE — Si è aperta agli Uffizi la prima mostra in Europa sull’arte giapponese corrispondente al periodo italiano dal primo Rinascimento agli inizi del Seicento. Paraventi pieghevoli e porte scorrevoli, molti dei quali sono considerati tesori nazionali giunti in prestito da musei, templi e dall’Agenzia per gli affari culturali del Giappone. 

Le opere, su carta e perciò delicatissime, sono 39 e vengono esposte a rotazione, tredici alla volta, per proteggerle da un'eccessiva  esposizione alla luce. Grandi pitture di paesaggio e natura, molte delle quali difficili da vedere anche in Giappone perché non esposte al pubblico, nel classico formato del paravento pieghevole (byōbu) e delle porte scorrevoli (fusumae). 

La mostra mette quindi in scena il periodo d’oro della produzione artistica giapponese, tra l’epoca Muromachi e l’inizio dell’epoca Edo (XV – XVII secolo), in cui emergono ideali estetici tra loro opposti e ancora oggi riconoscibili nel paese. 

Da una parte infatti la pittura monocroma ed evocativa, fatta di vuoti interrotti da linee essenziali e veloci, legata alla filosofia zen e alla cultura cinese, dall'altra la pittura più squisitamente giapponese, con fondi oro e campiture piatte di colore su cui si stagliano delicati elementi naturali.

Alcuni dei capolavori in esposizione a Firenze rappresentano paesaggi dalle atmosfere rarefatte e simboliche e sono stati realizzati da sommi artisti quali Hasegawa Tōhaku, Kaihō Yūshō, Unkoku Tōgan. Si confrontano con essi i dipinti della tradizione Kanō, rappresentanti fiori e uccelli, le quattro stagioni, luoghi divenuti celebri grazie alla letteratura e alla poesia, rappresentati con colori brillanti secondo le modalità dello yamatoe. 

Queste gioiose atmosfere, traboccanti gratitudine per le bellezze del creato, così come i caratteri zen riconducibili all’austerità, alla povertà, all’imperfezione, all’irregolarità di forme e materiali, esprimono una concezione della natura come specchio dell’animo umano già presente da secoli e definita con il termine mono no aware, “il sentimento per le cose”. Un insegnamento prezioso e uno spunto di riflessione anche per l’Occidente, per una riconsiderazione dell’ambiente e del rapporto dell’uomo con esso.

La mostra agli Uffizi corona il 150mo anniversario delle relazioni diplomatiche bilaterali tra Italia e Giappone, intraprese con la firma del Trattato di Amicizia e di Commercio il 25 agosto 1866.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
"Non sembra di attraversare il centro di una città d'arte" è la denuncia dei residenti che chiedono maggiore controllo del traffico in Oltrarno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Lavoro